Original qstring:  | /dl/rainews/TGR/articoli/tos-tagli-rcs-corriere-fiorentino-sciopero-df529b07-3511-4606-8c07-2e70b4e2e3af.html | rainews/live/ | (none)
TGRToscana
Media

Tagli Rcs, sciopero al Corriere Fiorentino

Condividi
2 giorni di sciopero, ieri e oggi, dei giornalisti del Corriere Fiorentino, dorso del Corriere della Sera. "Rcs edizioni locali cancella 9 posti di lavoro, di cui uno a Firenze. A cui si aggiungono altri due colleghi fiorentini di cui si chiede il trasferimento, chi a Padova, chi, a turno, nelle redazioni dei dorsi del nord est e del centro Italia. Questi solo alcuni dei punti presentati dai vertici di Rcs edizioni locali ai comitati di redazione di tutti e cinque i dorsi di Trento, Bolzano, Veneto, Bologna e Firenze", spiega il cdr del Corriere Fiorentino motivando lo sciopero. "Facciamo fatica a comprendere come questo progetto, nato per una perdita (degli interi 5 dorsi) di 386 mila euro a fronte di oltre 14 milioni di valore della produzione e 30 mila copie medie al giorno vendute dalle 5 testate, sia stata posto con un aut aut: non c'è alternativa, perché non vogliamo fare tagli lineari o chiudere redazioni, la sintesi del messaggio. Ma soprattutto come questo piano è inconciliabile con le parole usate dal presidente di Rcs Mediagroup che per il decennale del Corriere Fiorentino ha affermato: 'Il Corriere Fiorentino è una realtà consolidata ormai su cui vogliamo continuare a investire per noi è importante coniugare l'autorevolezza e la credibilità del Corriere della Sera con l'attenzione al locale, ai territori". "La redazione - conclude la nota - respinge il piano presentato e invita l'azienda a sedersi ad un tavolo per trovare alternative compatibili con gli attuali livelli occupazionali", affidando al Cdr un pacchetto di 10 giorni di sciopero, sul giornale e sul sito e lo stato di agitazione.  
Condividi