MONDO

Usa: nessuna prova della morte

"Abu Bakr al-Baghdadi è vivo e si nasconde a Raqqa": continua il giallo sul capo dell'Isis

Eppure qualche giorno fa i media dell'Isis avevano di fatto confermato la morte del leader con un comunicato

Condividi
Non è ancora giunto il momento di dare certezze sulla sorte del leader dell'Isis Abu Bakr al Baghdadi, nelle ultime ore indicato come vivo e nascosto nel nord della Siria dopo che nelle settimane e nei giorni scorsi si erano rincorse voci e notizie sulla sua morte.

Due autorevoli e distinte fonti dell'intelligence irachena hanno nelle ultime ore rilasciato dichiarazioni circa il fatto che il capo dell'Organizzazione dello Stato islamico è ancora vivo e si trova a Raqqa, roccaforte dell'Isis nel nord della Siria e sotto assedio da parte delle forze curdo-siriane sostenute dalla Coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

La tv panaraba-saudita al Arabiya ha citato nelle ultime 24 ore due alti funzionari iracheni: prima Abu Ali al Basri, alto responsabile per la sicurezza e l'anti-terrorismo presso il ministero dell'interno di Baghdad; quindi Lahur Talabani, responsabile dell'antiterrorismo della regione autonoma curdo-irachena.

A differenza di Basri, Talabani ha lasciato un minimo margine di incertezza, affermando che Baghdadi è "per il 99% vivo", ma confermando che il 'Califfo' si trova a Raqqa. Baghdadi era stato dato più volte per morto o ferito negli ultimi anni, ma le notizie non sono mai state confermate.

L'ultimo annuncio di questo tipo era stato fatto dalla Russia il 16 giugno scorso, quando Mosca aveva affermato di avere forse ucciso il capo dell'Isis in un raid a sud di Raqqa il 28 di maggio. Le stesse autorità russe avevano però ammesso di non avere le prove di quanto affermato.

E anche la Coalizione anti-Isis a guida Usa aveva dichiarato di non poter confermare la notizia.

Eppure qualche giorno fa i media dell'Isis avevano di fatto confermato la morte del leader con un comunicato - la cui autenticità non è però mai stata confermata - in cui si annunciava a breve la nomina di un successore.

Anche l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), organizzazione basata in Gran Bretagna ma che si avvale di una fitta rete di ricercatori e attivisti in Siria, aveva dato conferma della morte di Baghdadi, citando fonti proprie nella regione siriana di Dayr az Zor, al confine con l'Iraq.

In questo contesto, sempre la tv saudita al Arabiya aveva nei giorni scorsi fatto nome e cognome dell'ipotetico nuovo leader dello 'Stato islamico': Jalaluddin at Tunisi, tunisino con passaporto francese e indicato come "attuale capo Isis in Libia".

Per al Arabiya, at Tunisi "è il più qualificato tra i pochi leader rimasti prendere il posto di Baghdadi". Il 31enne at Tunisi, al secolo Muhammad ben Salem Ayuni, era emigrato in Francia con i genitori quando non aveva nemmeno dieci anni. Prima di tornare in Tunisia aveva ottenuto la cittadinanza francese. Dopo il 2011 - affermava al Arabiya - si era recato in Siria e nel 2014 si era arruolato nelle file dei combattenti jihadisti, divenendo un braccio destro di Baghdadi.

A gettare acqua sul fuoco sulle notizie della morte di Baghdadi ci avevano pensato, ancora una volta gli Usa. Tramite il capo del Pentagono, gli Usa ribadivano di non avere le prove per confermare la morte del leader jihadista.
Condividi