Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Agenzie-Usa-umanita-causa-dominante-del-cambio-del-clima-Casa-Bianca-da-ok-al-rapporto-793b9841-b824-4d74-9221-4a26731420bf.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Aumento temperature

Agenzie Usa: l’umanità è la causa dominante del cambio del clima. Casa Bianca dà l'ok al rapporto

Le conclusioni contraddicono posizioni amministrazione Trump

Condividi
La Terra sta sperimentando il periodo più caldo nella storia della civilizzazione e gli uomini sono la causa dominante dell'aumento della temperatura verificatasi dall'inizio del XX secolo.
 
Lo afferma un rapporto scientifico delle agenzie federali Usa. La notizia è stata pubblicata dal New York Times, secondo cui il rapporto, approvato alla Casa Bianca, contraddice le posizioni  dell'amministrazione Trump sul cambiamento climatico.

Negli ultimi 115 anni le temperature medie globali sono aumentate di 1,8 gradi Fahrenheit (1 grado Celsius), causando eventi meteo record e temperature estreme. Il trend globale e a lungo termine del riscaldamento è "inequivocabile", sostiene il rapporto, e "non c'è una convincente spiegazione alternativa" per attribuirne la colpa a qualcosa che non siano gli essere umani (le auto che guidiamo, le centrali che producono energia, le foreste che distruggiamo).

Il rapporto arriva dopo alcuni mesi dall'annuncio da parte di Trump di voler uscire dall'accordo di Parigi sul clima e una politica di deregulation in campo energetico e ambientale, tra cui il rilancio del carbone.

Metropoli costiere sott'acqua con 3 gradi in più Ong Climate Central, a rischio Miami, Shangai, Rio de Janeiro   
Le principali metropoli costiere del mondo rimarranno sommerse dal mare se il cambiamento climatico farà salire le temperature di 3 gradi sopra il livello pre-industriale. Un riscaldamento che secondo l'Onu avverrà certamente al 2100, se non si aggiornano gli obiettivi di decarbonizzazione presi dagli stati con l'Accordo di Parigi. A prevedere l'allagamento di città abitate da centinaia di milioni di persone è uno studio di una ong internazionale di scienziati del clima, Climate Central.   

Secondo la ricerca, un aumento delle temperature di 3 gradi porterebbe a un aumento del livello dei mari di 2 metri, a causa dello scioglimento dei ghiacci polari. A rischio di finire sommerse sono metropoli come Miami, Shanghai, Rio de Janeiro, Alessandria d'Egitto, Osaka, oltre a un terzo della Florida.   

Qualche giorno fa l'Unep, l'agenzia dell'Onu per l'ambiente, ha reso noto che gli impegni di decarbonizzazione presi dagli stati nell'ambito dell'Accordo di Parigi del 2015 permetteranno solo un terzo della riduzione dei gas serra giudicata necessaria per raggiungere gli obiettivi dell'accordo (contenere il riscaldamento entro i 2 gradi dai livelli pre-industriali). Se questi impegni non verranno aggiornati e rafforzati, al 2100 si arriverà a un aumento delle temperature di 3 gradi.





L'allarme di Coldiretti: Italia assetata 
L’Italia 'festeggia' l’anniversario dell’entrata in vigore dell’accordo di Parigi con un clima impazzito segnato dal caldo anomalo e dalla mancanza di pioggia che ha provocato siccità nelle campagne, alimentato incendi nei boschi e smog in città. E’ denuncia di Coldiretti, che sottolinea che gli effetti dei cambiamenti climatici si fanno sentire pesantemente sull’agricoltura italiana con circa 2 miliardi di perdite provocate alle coltivazioni e agli allevamenti dalla siccità nel 2017.

Un anno che è stato fino a ora il secondo più caldo con la temperatura sulla superficie della terra e degli oceani superiore di 0,87 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo, secondo le elaborazioni Coldiretti degli ultimi dati della banca dati Noaa, il National Climatic Data Centre che registra le temperature mondiali dal 1880. Le anomalie sono evidenti anche in Italia, dove durante il 2017 si sono registrate temperature più alte e precipitazioni nettamente inferiori alla media in tutti i mesi dell’anno, fatta eccezione di settembre.



 
Condividi