Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Aggressioni-acido-Boettcher-condannato-a-23-anni-2154b1e9-541c-403b-83f6-1ebd0636f04c.html | rainews/live/ | true
ITALIA

milano

Aggressioni con l'acido: Boettcher condannato a 23 anni

Il processo è quello per l'aggressione con l'acido allo studente Stefano Savi e per l'analogo blitz (tentato ma non riuscito) contro il fotografo Giuliano Carparelli. Boettcher  era già stato condannato a 14 anni insieme alla sua ex fidanzata Martina Levato per l'aggressione a Pietro Barbini

Condividi
Alexander Boettcher è stato condannato a 23 anni per l'aggressione con l'acido allo studente Stefano Savi e per l'analogo blitz (tentato ma non riuscito) contro il fotografo Giuliano Carparelli.

Secondo i giudici del Tribunale di Milano, il broker tedesco faceva parte di un'associazione a delinquere (la cosiddetta "banda dell'acido", come l'ha definita il pm Marcello Musso) composta anche dalla sua ex amante Martina Levato e dal complice Andrea Magnani (già condannati per gli stessi fatti con rito abbreviato rispettivamente a 20 anni e a 9 anni e 4 mesi).

Per lui il rappresentante della pubblica accusa aveva chiesto 26 anni di carcere. Il broker era già stato condannato a 14 anni insieme a Martina per l'aggressione a Pietro Barbini.

Al momento della lettura della sentenza, oltre alla parte civile Stefano Savi, era presente in aula anche Antonio Margarito, il giovane che nel maggio 2014 subì un tentativo di evirazione da parte di Martina.

"Spero che non esca più di cella", ha detto Stefano Savi subito dopo la lettura della sentenza. Savi ha aggiunto di essere "risollevato" per la condanna e ha detto: "L'importante è che abbiano stabilito chi è il colpevole. Se l'è cercata lui".

"In due ore di camera di consiglio cosa ti aspettavi? E' una sentenza già scritta, ma io sono innocente e lotterò anche in appello". Queste invece le prime parole pronunciate da Alexander Boettcher, riferite al suo legale, l'avvocato Michele Andreano, dopo la sentenza.
Condividi