Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Agguato-in-ospedale-a-Napoli-giovane-spara-nel-cortile-d15ace77-5b43-476a-9d11-845ec0bd88b1.html | rainews/live/ | true
ITALIA

"Rischiata una strage"

Agguato in ospedale a Napoli: giovane spara nel cortile. Probabile obiettivo un 22enne già ferito

L'uomo che ha sparato nel Pronto soccorso dell'ospedale Pellegrini ha esploso colpi verso la scala dove c'erano almeno quattro persone. È quanto emerge dal video della telecamera di sorveglianza visionato dai vertici dell'Asl Napoli 1 e poi consegnato ai carabinieri

Condividi
Paura fra medici e degenti dell'ospedale 'Vecchio Pellegrini' di Napoli, dove la scorsa notte un giovane, armato di pistola e con in testa un casco, ha sparato alcuni colpi d'arma da fuoco nel cortile all'indirizzo di un 22enne giunto poco prima per un proiettile che gli ha provocato ferite ad entrambe le gambe. Racconto choc dei testimoni, secondo i quali l'agguato avrebbe potuto provocare vittime. In un video di sorveglianza si vede infatti l'uomo sparare verso le scale, dove c'erano 4 persone.

"Insieme al ragazzo ferito alla gamba sono arrivati altri minori, almeno due di loro sono stati feriti di striscio, probabilmente qui in ospedale ma sono scappati via". Lo afferma Giuseppe Fedele, chirurgo del Pronto soccorso dell'ospedale Pellegrini di Napoli, stanotte di servizio in ospedale al momento della sparatoria.  "C'era una ragazza di 16 anni con una ferita di striscio agli arti inferiori. Stavamo per ricoverarla ma quando le ho chiesto di chiamare i suoi genitori, visto che è minore, è scappata. Lo stesso ha fatto un altro giovane, anch'egli minorenne".

"Siamo in una zona di guerra. Sparando in un presidio ospedaliero hanno toccato l'anima della sanità". Lo afferma Maria Corvino, direttrice sanitaria dell'ospedale Pellegrini di Napoli, commentando la sparatoria che è avvenuta questa notte al pronto soccorso del nosocomio in pieno centro.

"Su quella scala del pronto soccorso poteva essere colpito un addetto dell'ospedale, un paziente, poteva trovarsi chiunque sulla traiettoria di quei proiettili come accaduto a Noemi". Antonio Eliseo, dirigente del Nursind,il sindacato degli infermieri, all'ospedale Pellegrini di Napoli dove stanotte si è verificata una sparatoria.  
Condividi