Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Al-San-Carlo-il-Nabucco-secondo-Jean-Paul-Scarpitta-5292ad6a-010b-4f5f-a566-23a2a8ce3d5e.html | rainews/live/ | (none)
CULTURA

Napoli

Al San Carlo il "Nabucco" secondo Jean-Paul Scarpitta

Debutto al Massimo per il direttore Francesco Ivan Ciampa. Dal 9 al 14 ottobre

Condividi
Dopo undici anni di assenza dalle programmazioni del Teatro San Carlo, torna in scena - dal 9 al 14 ottobre - "Nabucco" di Giuseppe Verdi.

A dirigere l’Orchestra e il Coro sarà Francesco Ivan Ciampa, giovane direttore campano al suo debutto al San Carlo dopo essere stato sul podio di teatri come la Deutsche Oper Berlin, La Fenice di Venezia, Opera di Firenze, Massimo di Palermo.

Regia e scene sono a firma di Jean-Paul Scarpitta, che afferma: “Non bisogna mettere in scena il dramma stesso, ma il riflesso che esso ha nella coscienza. La mise en scene vuole essere quindi una riflessione sulla Storia più che una rappresentazione. La scena è composta da una piramide, da una sola porta del Palazzo, da qualche albero nero e dorato sospeso davanti a un muro d’oro satinato e da rovine che emergono dalle nuvole, il tutto sullo sfondo di un ciclorama in grisaglia (un cielo grigio per Gerusalemme, un altro cielo grigio per Babilonia, ispirati alle illustrazioni della Bibbia di Gustave Doré)”.

Esaltano le intenzioni del regista le luci di Urs Schönebaum, mentre i costumi sono realizzati da Maurizio Millenotti. L’allestimento è del Teatro dell’Opera di Roma.
Condividi