Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Alitalia-incontro-azienda-sindacati-sul-nodo-esuberi-0b3106af-9aa4-4412-b83e-a2c0b39a6266.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Incontro azienda-sindacati sul nodo esuberi

Alitalia, Del Torchio: oggi non partono licenziamenti

Poletti apre sugli esuberi: "Siamo pronti ad utilizzare tutti gli strumenti". Ma i sindacati adesso incalzano

Condividi
"Oggi non partono procedure sui licenziamenti collettivi dei dipendenti in esubero": la rassicurazione arriva dall'ad di Alitalia, Gabriele Del Torchio, che risponde ai giornalisti sul tema esuberi: "Oggi parliamo, presentiamo il piano  - ha precisato - e cominciamo a capire come affronteremo i problemi". Così nella giornata decisiva per la compagnia, che vede in programma la trattativa tra azienda e sindacati: all'incontro, nella sede di Assaereo, Del Torchio illustrerà formalmente i numeri del Piano di Etihad.

Investimenti ed esuberi
Se l'accordo con Alitalia andrà in porto Etihad è pronta ad investire fino a 1,25 miliardi di euro entro il 2008. Parola del ministro dei Trasporti Maurizio Lupi. Alle sigle sindacali il titolare dei Trasporti ha spiegato che 560 milioni saranno di ricapitalizzazione, mentre gli altri 690 serviranno per lo sviluppo nei prossimi 4 anni. Certo, i tempi sono stretti. "La trattativa non si può prolungare all’infinito: metà luglio è il momento di tirare le somme", ha detto Lupi.

I sindacati, che aspettano di capire come interverrà il governo per gestire il problema dei posti di lavoro in esubero annunciati dall'ad Del Torchio, hanno espresso apprezzamento per i progetti di Etihad. Il ministro Lupi ha spiegato dove colpiranno i tagli: "Nel prospetto presentato ci sono 2.251 esuberi, di cui 787 lavoratori in Cig a 0 ore, che saranno in Cig sino a marzo 2015; 380 del personale di volo e 1.084 di quello di terra".  

I sindacati: vogliamo conoscere il piano industriale
"La nostra intenzione è di conoscere il Piano industriale, da cui ci aspettiamo moltissimo per il rilancio dell'azienda", ha detto Raffaele Bonanni (Cisl). "La cosa più importante - ha aggiunto Bonanni - è la vita dell'azienda e quali sono le premesse che le possano permettere di stare in piedi. Sono convinto che ci daranno tutti gli elementi". Sulla stella linea Angeletti (Uil): "Aspettiamo il piano e valutiamo".
Condividi