Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Alpinista-piemontese-precipita-in-Pakistan-grave-La-famiglia-a-Moavero-ci-aiuti-o-muore-40787566-0198-422e-a4e4-3ce7fa29c9ac.html | rainews/live/ | true
MONDO

Gasherbrum VII

In salvo l'alpinista piemontese precipitato in Pakistan

Foto d'archivio
Condividi
"Francesco è sull'elicottero verso Skardu". Con queste parole sulla sua pagina Facebook, Cala Cimenti - compagno di cordata e primo soccorritore di Francesco Cassardo - conferma l'avvenuto recupero dell'alpinista italiano ferito durante la discesa dal Gasherbrum VII, in Pakistan. Ora Cimenti scenderà a piedi dalla montagna. 

Francesco Cassardo era già stato portato più a valle rispetto al luogo dell'incidente. I soccorritori, dopo avere raggiunto a piedi il punto in cui si trovava insieme a Cala Cimenti, che aveva trascorso la nottata con lui, hanno improvvisato una slitta per il trasporto. Il gruppo ha poi raggiunto il luogo in cui Cimenti aveva lasciato la tenda prima di affrontare il Gasherbrum VII. 

In relazione all'incidente occorso all'alpinista italiano Francesco Cassardo sul Gasherbrum VII, la Farnesina e  l'Ambasciata d'Italia in Pakistan si sono attivate da ieri presso le Autorità locali, ottenendo l'intervento di soccorso tramite elicottero.   

Precedentemente Stefano Cassardo, il fratello di Francesco aveva scritto al ministro degli Esteri. "Signor ministro, la prego mi aiuti. Ci aiuti. Mio fratello sta morendo. Siamo arrivati al limite. Se non si alzerà presto un elicottero morirà. Ogni minuto perso è una probabilità in meno di salvarsi per Francesco. Finora ogni intervento del nostro ambasciatore non ha sbloccato la situazione. Chiedo a lei, signor ministro, di fare qualcosa, qualsiasi cosa, per provare a salvarlo". 
Condividi