Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Alta-tensione-nel-governo-M5s-da-Salvini-attacco-maldestro-al-premier-Conte-06eb39f8-5ae3-4bf7-9632-4aedeed2a8fa.html | rainews/live/ | true
POLITICA

"Ennesimo tentativo di deviare attenzione da indagati Lega"

Alta tensione nel governo, M5s: "Da Salvini attacco maldestro al premier Conte"

Di Maio: Italia ha già avuto uomini soli al comando. Salvini: "Basta 'no' da M5s o diventa un problema". Fonti Palazzo Chigi: Conte non dà ordini, coordina i ministri. Tutti"

Condividi
Ogni giorno un motivo di scontro e un botta e risposta tra gli alleati di governo sempre più l'uno contro l'altro. Almeno fino al 26 maggio. "L'attacco di Salvini al presidente Conte sul tema dei migranti è l'ennesimo maldestro tentativo di provare a spostare l'attenzione mediatica dalle continue notizie di rappresentanti della Lega coinvolti in casi di corruzione. Un chiaro segno di difficoltà e di debolezza - affermano fonti di governo del Movimento Cinque Stelle - del resto le sue ultime dichiarazioni denotano una imbarazzante schizofrenia politica: nel caso della nave Diciotti per Salvini andava benissimo la gestione collegiale da parte del Governo, ora sostiene che nessuno deve dargli ordini".

I pentastellati replicano così alle ultime dichiarazioni del ministro dell'Interno e leader della Lega secondo cui né il premier, né i ministri pentastellati devono intimargli di riaprire i porti e consentire lo sbarco di migranti. 

Di Maio: Italia ha già avuto uomini soli al comando
"Dalle continue dichiarazioni che escono è evidente che c'è chi vuole alzare il livello di scontro. Non c'è molto da aggiungere rispetto agli attacchi al presidente del Consiglio, che ha tutto il sostegno mio e del governo. Dico solo che per la legge dei grandi numeri, se tutti pensano una cosa e c'è un singolo contrario, forse ha torto il singolo. Di uomini soli al comando ne abbiamo già avuti e in Italia non ne sentiamo certo la mancanza". Così il vicepremier Luigi Di Maio replica a Matteo Salvini.

Salvini: "Basta 'no' o diventa un problema"
"Lasciate lavorare la Lega e smettetela con tutti questi no": è l'appello ai 5 stelle lanciato in una diretta Facebook dal segretario del Carroccio Matteo Salvini. Da parte dei 5stelle "mi preoccupano tutta una serie di no a provvedimenti che servono al Paese": così ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini alla stampa estera a Milano. Si tratta di no ad esempio "ad autonomia, flat tax, sicurezza bis" e anche su "alcuni grandi cantieri già pronti" come l'alta velocità Brescia Verona che è "ostaggio del ministero dei Trasporti". Temo ci sia tutta una serie di no che non fa bene all'Italia. Speriamo che tornino ad essere dei sì dopo il 27 o - ha concluso - sarebbe problema".

M5s: Salvini desaparecido nel suo ministero
"Salvini mente sulla storia dei "no"dei Cinque Stelle. Il 90% dei provvedimenti di questo governo sono a firma del Movimento mentre tutti sanno che Salvini passa più tempo nelle piazze ed è un desaparecido nel suo ministero. I 5 Stelle governano, Salvini comunica". Lo sottolineano fonti di governo del M5S replicando all'appello lanciato via Facebook dal vicepremier leghista.

Fonti Palazzo Chigi: Conte non dà ordini, coordina i ministri. Tutti
Il premier Giuseppe Conte "non dà ordini" ma coordina l'attività dei ministri, "nessuno escluso". Lo precisano fonti di palazzo Chigi. "Il presidente del Consiglio Conte non partecipa alla competizione elettorale e non si lascia certo coinvolgere nella dialettica che la sta caratterizzando. Piuttosto invita tutti i ministri a mantenere toni adatti a chi rappresenta le istituzioni". "Il presidente del Consiglio - viene precisato - non dà e non ha mai dato ordini. Come previsto dall'articolo 95 della Costituzione dirige la politica generale del Governo e ne è responsabile. E coordina l'attività dei ministri. Di tutti i ministri, nessuno escluso".
Condividi