Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Altri-130-soldati-italiani-a-Erbil-in-Iraq-annuncio-del-Ministro-della-difesa-roberta-Pinotti-Recupereranno-i-feriti-4439734f-3c16-4692-9894-15379b4d8f15.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

La guerra all'Isis

Altri 130 soldati italiani a Erbil in Iraq. Annuncio del Ministro Pinotti: "Recupereranno i feriti"

E il ministro della difesa parla anche dell'urgenza dell'insediamento di un governo in Libia: "C'è il rischio di una nuova Somalia"

Condividi
L'Italia invierà altri 130 militari ad Erbil in Iraq, con compiti di recupero dei feriti in combattimento". A dirlo è il ministro della Difesa Roberta Pinotti ospite della trasmissione Otto e mezzo su La 7. La Pinotti e' tornata sulle affermazioni dei giorni scorsi del ministro della difesa francese Le Drian  riguardo alla possibilità di infiltrazione di terroristi tra i migranti che arrivano sulle nostre coste: "A Lampedusa - spiega - arriva il 15% dei migranti in viaggio verso l'Europa, ma "non ci sono mai state piste che portassero a ipotesi di infiltrazione terroristica".

La Libia e lo "scenario somalo"
"E' ovvio" che se la prossima settimana fallisce il tentativo in Libia di formare il nuovo governo "c'e' il rischio di una nuova Somalia", ha detto anche il Ministro. Siamo dunque alla vigilia di un intervento in Libia? "Spero che siamo alla vigilia di un governo stabile in Libia", risponde Pinotti, "non parlo di un piano B.     "L'Italia e' disponibile ad avere la leadership" di una missione per la stabilizzazione della Libia, spiega il responsabile della Difesa. "Certo che ci saranno i militari, ma non bisogna arrivare con decisioni esterne", sottolinea Pinotti. Numeri? "Dipende dalla richiesta", aggiunge Pinotti. I tempi? "Non ci sono date, ma una prontezza di una risposta. L'Italia potrebbe anche essere minacciata, ma noi siamo pronti".
Condividi