Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ammissione-Trump-fondi-elettorali-soldi-usati-pagamento-Stormy-Daniels-af12dbc8-2ebd-4ba2-9ad0-05d401155ed9.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Il presidente degli Stati Uniti lo rivela su Twitter

L'ammissione di Trump: "Non erano fondi elettorali i soldi usati per pagare Stormy Daniels"

Il presidente cambia versione: avrebbe rimborsato personalmente i 130mila dollari versati dal suo avvocato Michael Cohen alla pornostar

Condividi
Non erano fondi elettorali i 130mila dollari pagati da Donald Trump al proprio avvocato personale Michael Cohen per mettere a tacere la pornostar Stormy Daniels, che sostiene di aver avuto una relazione con il presidente degli Stati Uniti. Quel denaro sarebbe un rimborso versato personalmente dall’inquilino della Casa Bianca al suo legale.

Con tre tweet pubblicati stamattina, Trump ammette per la prima volta l’esistenza di una transazione, che finora aveva sempre negato, e cerca di spiegare come sono andate effettivamente le cose. “Il denaro o i contributi della campagna non giocarono alcun ruolo in quella transazione. L’accordo è servito per impedire alla Daniels di fare accuse false o estorsioni riguardo alla relazione”, aggiunge poi Trump.




 I tweet arrivano poche ore dopo le rivelazioni di Rudolph Giuliani, ex sindaco di New York e capo del team di legali che difende il presidente, che a Fox News aveva ammesso come il presidente fosse a conoscenza del pagamento di Cohen alla Daniels, tanto da averlo rimborsato personalmente. L’avvocato finora aveva invece sostenuto di aver pagato la pornostar ma di tasca sua.

La battaglia legale tra Donald Trump e Stormy Daniels va avanti da inizio anno, quando è emerso che Cohen aveva effettuato il pagamento all’attrice poco prima delle elezioni presidenziali del 2016 affinché non rivelasse di un rapporto sessuale avuto con il presidente nel 2006, subito dopo le nozze di lui con Melania.

La transazione avrebbe potuto violare le leggi degli Stati Uniti sui finanziamenti elettorali, ma le parole di Giuliani hanno allontanato questa possibilità dato che il denaro non proverrebbe dai fondi della campagna. “L’accordo è efficace e in pieno vigore e sarà utilizzato nell’arbitrato per chiedere i danni alla signora Clifford (in arte, Stormy Daniels)", ha concluso Trump.


Condividi