Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Annullato-il-vertice-del-gruppo-di-Visegrad-a-Gerusalemme-b62be78b-252a-4b8a-909d-9ace1461902b.html | rainews/live/ | true
MONDO

Polemica sull'antisemitismo

Scontro diplomatico con la Polonia, annullato il vertice del gruppo di Visegrad a Gerusalemme

Previsti solo incontri bilaterali con Netanyahu

Condividi
E' stato annullato il vertice dei paesi Visegrad in programma a Gerusalemme, in Israele, dopo la decisione della Polonia di non partecipare. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri israeliano, spiegando che il summit "prevede la presenza di tutti e quattro" le nazioni. "I tre premier in arrivo - ha spiegato il portavoce del ministero Emmanuel Nahshon riferendosi a Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca - avranno un incontro con il premier Benyamin Netanyahu". 

"Polacchi come i nazisti", la protesta di Varsavia
A far scoppiare la crisi diplomatiche le dichiarazioni defiinte "razziste" del ministro degli Esteri israeliano sul ruolo dei polacchi durante l'Olocausto. Il neo capo della diplomazia israeliana, Yisrael Katz, nella prima intervista nel suo nuovo ruolo (fino a domenica occupato dallo stesso premier Netanyahu) ha detto, citando l'ex premier Yitzhak Shamir, che "i polacchi assorbono l'antisemitismo dal latte delle loro madri". 

Immediata la replica di Varsavia, che ha definito le parole "razziste e inaccettabili: è chiaro che il nostro ministro degli Esteri, (Jacek) Czaputowicz, non andrà al vertice", ha annunciato il premier, Mateusz Morawiecki. 

La polemica era cominciata già la settimana scorsa quando il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva partecipato alla conferenza internazionale sul Medio Oriente nella capitale polacca e, criticando una legge di Varsavia, aveva detto che i polacchi erano stati complici dei nazisti.

La dichiarazione di Shamir era riferita ad una esperienza personale, in quanto i suoi genitori sono stati uccisi da polacchi durante la Seconda Guerra Mondiale. 
Condividi