Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Anticorruzione-slitta-il-voto-sugli-emendamenti-sulla-prescrizione.-Forza-Italia-abbandona-i-lavori-3c29cfb4-c586-4173-938b-924b6ea61493.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera

Anticorruzione, slitta voto sugli emendamenti sulla prescrizione. Forza Italia abbandona i lavori

La relatrice M5s Businarolo ne ha chiesto l'accantonamento

Condividi
Slitta il voto degli emendamenti sulla prescrizione presentati al ddl anticorruzione, all'esame delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera. La relatrice Francesca Businarolo (M5s) ha chiesto di accantonarli e di votarne altri. Le commissioni hanno finito l'esame di quelli all'articolo 1, tra i quali ci sono quelli sulla prescrizione, compresi quelli di relatori e M5s che fa entrare in vigore la prescrizione nel 2020. La relatrice ha dato i pareri su tutti, ma anziché passare al voto ha chiesto l' accantonamento.

Forza Italia abbandona lavori Commissioni 
Forza Italia ha abbandonato i lavori delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera impegnati nell'esame del ddl anticorruzione. Lo ha annunciato Enrico Costa.  Alla ripresa dei lavori, subito sospesi per un'altra pausa tecnica in attesa dei pareri sui ricorsi presentati da Forza Italia contro l'inammissibilità dei suoi emendamenti sul tema della prescrizione, il presidente della Affari costituzionali, Giuseppe Brescia (M5s), ha confermato l'inammissibilità delle proposte di modifica di Forza Italia per la mancanza di un riferimento temporale e per estraneità alla materia. Durissima la protesta di Enrico Costa (Fi), che ha annunciato l'abbandono dei lavori di tutti i componenti azzurri. 

"Per bilanciare la norma sulla prescrizione è necessario intervenire sulla ragionevole durata del processo, avere certezze in termini di tempi. I nostri emendamenti erano finalizzati a riportare l'intervento emendativo dei relatori in un alveo di corrispondenza dell'art 11 della Costituzione. Da parte vostra c'è un atteggiamento offensivo: voi non volete discutere", ha spiegato ancora Costa. 

Il pd, pur molto critico nei confronti dell'atteggiamento della presidenza delle commissioni, ha deciso invece di restare e proseguire l'esame. 
Condividi