Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Archeologia-scoperto-in-Iran-a-Pasargade-il-palazzo-di-Dario-00df413e-c25b-4328-9f28-00d7f6694f98.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Sito archeologico di Pasargade

Archeologia: scoperto in Iran il palazzo di Dario

Il sito archeologico di Pasargade è stato già inserito nel 2004 nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'Unesco. Qui infatti c'è la tomba, a forma di tempio greco, di Ciro il grande. Ma la 'città giardino' serba molte altre sorprese

Condividi
Proprio in questi giorni gli archeologi iraniani stanno riportando alla luce una nuova meraviglia: un palazzo che non è più del periodo di Ciro, ma di Dario e quindi del secondo periodo Achemenide. Il direttore degli scavi, l'archeologo Hamed Molai ha spiegato all'agenzia di stampa AGI, che seguendo delle ipotesi fatte tra il 1961 ed il 1963 dallo studioso inglese David Stronach il suo team, composto solo da iraniani, ha iniziato a lavorare su Tal Takht il "Trono sulla collina", torre di avvistamento sulla quale, finora, si pensava che non ci fosse nulla. Scavando sopra la collina sulla quale erano rimasti ruderi della torre, dell'età dei Medi, gli archeologi hanno portato alla luce un palazzo colonnato del periodo di Dario. La scoperta è a dir poco emozionante perché l'arte persiana, nel periodo di Dario, raggiunge l'apogeo della sua bellezza, ben visibile oggi nel vicino sito di Persepoli, ed allora, pure a Pasargade, gli archeologi sperano di trovare bellezze e meraviglie dello stesso calibro.

Molai spiega che per ora gli scavi stanno delimitando il perimetro del palazzo antico che oltre alla sala centrale con le colonne comprendeva anche una stanza di 5 metri per 5 metri, di cui non si comprende ancora la funzione. Le mura del palazzo sono alte e sotto il sole, si continua a scavare.  

Nel 2016 l'Iran ha ospitato 6 milioni di turisti che hanno portato 8 miliardi di dollari alle casse dello Stato; un netto incremento rispetto ai 5,2 milioni del 2015. Rohani probabilmente ha capito che con tutte le attrazioni storiche del suo territorio, il turismo può essere una marcia in più per far decollare l'economia che cresce ma con un ritmo ancora troppo lento. Lento, come il lavoro certosino degli archeologi, che riportano alla luce, poco alla volta, le mura del palazzo di Dario a Pasargad. (Fonte Agi)
Condividi