Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Arrestato-dopo-un-assalto-della-polizia-il-sequestratore-di-Parigi-salvi-gli-ostaggi-520492b9-3195-4fff-a35e-cf95bd03440b.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Francia

Arrestato dopo un assalto della polizia il sequestratore di Parigi, salvi gli ostaggi

L'operazione è scattata dopo ore di trattative. Non si conoscono le motivazioni del gesto, scartata la matrice terroristica

Condividi
E' stato arrestato l'uomo che dalle 16 di oggi ha tenuto in ostaggio alcune persone in un ufficio nel centro di Parigi. "L'individuo è stato arrestato e gli ostaggi sono fuori pericolo", ha annunciato il ministro dell'interno francese Gerard Collomb sul suo profilo Twitter. "Ringrazio per la professionalita' e la reattivita' della polizia e delle forze di soccorso, in particolare il BRI (le teste di cuoio della polizia, ndr) di @prefpolice e il @PompiersParis, il cui sostegno è stato fondamentale". 
L'arresto è avvenuto al termine di un assalto delle forze speciali e gli ostaggi sono tutti sani e salvi.  Al momento, non si conoscono le motivazioni del gesto ma è scartata la matrice terroristica.

Sequestro scattato alle 16
Il sequestro è cominciato intorno alle 16 in un edificio situato a rue des Petites Ecuries 45, nel decimo arrondissement di Parigi. L'uomo, secondo Bfmtv, ha finto di dover consegnare il cibo, ha colpito in faccia una persona incontrata nella hall e poi si è barricato in uno degli uffici al piano terra. Il palazzo ospita varie società tra cui una di comunicazione e pubblicità, teatro della presa di ostaggi.

Secondo LeParisien.fr, l'individuo aveva dichiarato di essere armato con una bomba e un'arma da pugno. Secondo fonti vicino all'inchiesta, aveva dichiarato di avere un complice all'esterno e aveva chiesto di contattare l'ambasciata dell'Iran per "consegnare un testo al governo francese". La zona era stata evacuata e tutti i negozi sprangati. Una donna incinta, che era probabilmente tra gli ostaggi, era riuscita a uscire ed era stata affidata alle cure dei soccorsi.

Condividi