Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Aspettando-la-Prima-della-Scala-La-Madama-Butterfly-originale-23edaf22-2b4f-4b41-a011-c9518300772e.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Il 7 dicembre parte la nuova stagione

Aspettando la Prima della Scala. La Madama Butterfly originale

Grande attesa per la prima della Scala che quest’anno sarà trasmessa in diretta da RaiUno. Il maestro Riccardo Chailly ha deciso di riproporre la prima versione di Madama Butterfly in cui lo scontro di culture è ancora più evidente

Condividi
di Fabio Cappelli C’è il tenente della marina americana Pinkerton che vuole compagnia e accetta il matrimonio giapponese come una parentesi passeggera e la sua giovanissima sposa Cio Cio San, che invece prende la cosa terribilmente sul serio. Tutti conoscono a grandi linee la storia di Madama Butterfly. Meno noto il fatto che nella prima versione, quella che andò in scena proprio alla Scala nel 1904, questo contrasto è ancora più accentuato. Non c’era, ad esempio, l’aria del tenore “Addio fiorito asil” che addolcisce il profilo psicologico di Pinkerton. La prima assoluta di Butterfly fu un fiasco clamoroso, forse organizzato ad arte da un editore rivale di Ricordi, che pubblicava le opere di Puccini. Dopo qualche modifica, l’opera andò in scena a Brescia, poi a Parigi passando di successo in successo. Riproporre la prima Butterfly è un atto di giustizia, dice oggi il maestro Riccardo Chailly, e ci aiuta a conoscere meglio Puccini




Una regia ispirata al teatro kabuki e alla pittura tradizionale giapponese
Il regista lettone Alvis Hermanis dice di essersi ispirato, nei movimenti e nei gesti, al teatro kabuki giapponese. “Vedrete scene e costumi di una tradizione particolarmente ricca, immagini che ci rimandano alla mostra in corso a Palazzo Reale su Hokusai e Hiroshige”

 



Maria José Siri: so cosa provava Butterfly
Ad interpretare Cio Cio San è in soprano Maria José Siri, nata in Uruguay da una famiglia in parte italiana. “Anche io ho amato a 15 anni e so cosa può voler dire una passione infelice a quell’età. Certo, la mia famiglia non mi ha mai voltato le spalle e nessuno mi ha portato via un figlio. Ma mettermi nei panni di un personaggio cosi’ complesso ha fatto si’ che io ritrovassi tutta l’emotività che ho vissuto da adolescente. Nel cast, Bryan Hymel nel ruolo di Pinkerton e Carlos Alvarez in quello di Sharpless




Una mostra dedicata a Butterfly al Museo della Scala
Fino al 28 febbraio al Museo della Scala un’interessante mostra ripercorre la storia degli allestimenti al Piermarini dell’opera di Puccini. Ci vollero vent’anni per riscattare Butterfly alla Scala con un allestimento forte dell’autorità di Toscanini e della grande fantasia di Caramba per scene e costumi. L’opera era già acclamata nel mondo e tornava trionfalmente nel teatro per cui era nata



 
Condividi