Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Attacco-in-casa-di-un-rabbino-a-New-York-con-machete-5-feriti-Fermato-un-sospetto-efbfd9ab-dc84-4b91-ac79-3ca1fc700cae.html | rainews/live/ | true
MONDO

Monsey (New York)

L'attacco al rabbino, Trump: "L'antisemitismo è piaga da estirpare"

Attacco con machete in casa, 5 feriti di cui due in gravi condizioni. Arrestato un afroamericano di 37 anni, che si è dichiarato non colpevole. Cuomo: atto di terrorismo domestico basato su intolleranza e ignoranza 

Condividi

Si chiama Thomas Grafton ed è un afroamericano 37enne di Harlem l'uomo che sabato sera, nella notte italiana, ha compiuto un'aggressione nella casa del rabbino di Monsey, un sobborgo alla periferia di New York. L'uomo ha ferito cinque persone, due delle quali versano in gravi condizioni. Quando è stato arrestato era "tutto coperto di sangue", hanno riferito i media americani.

Grafton era alla guida di una Nissan e stava rientrando a New York passando dal Washington Bridge, quando la polizia lo ha intercettato e arrestato poco prima della mezzanotte. Grafton si è fatto arrestare senza opporre resistenza.

Grafton si e' dichiarato non colpevole. E' stata fissata una cauzione di 5 milioni di dollari e l'uomo dovra' ricomparire in tribunale venerdi' 3 gennaio.

L'assalto
E' entrato nella casa del rabbino di Monsey, 50 chilometri a nord di New York, con il viso coperto in parte da una sciarpa e armato di machete ha seminato il panico fra i presenti alle celebrazioni di Hannukah (la festa delle luci, una delle più importanti ricorrenze ebraiche), ferendone cinque, tutti ebrei chassidisti.

E' poi riuscito a scappare dall'abitazione limitrofa, nonostante i vari tentativi di fermarlo (anche con un piccolo tavolo per bloccargli il passaggio).   

In un primo momento i media americani parlavano di un attacco in una sinagoga, ma successivamente l'Orthodox Jewish Public Affairs Council ha precisato in un tweet che è stata presa di mira l'abitazione di un rabbino.   Al momento le ricostruzioni sono tutte parziali: si sa che alcuni dei feriti sono stati colpiti ripetutamente, uno almeno sei volte, un altro in pieno petto ed è quello nelle condizioni peggiori. Un'altra persona è rimasta ferita solo leggermente a un dito.   

L'episodio si inserisce in una serie di attacchi antisemiti che si sono verificati negli ultimi giorni a New York: incidenti che hanno fatto alzare la guardia e rafforzare i controlli di polizia nell'area di Brooklyn, quella più colpita.   "Un atto spregevole e codardo". Così il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, commenta l'attacco. "Voglio essere chiaro: l'antisemitismo e l'intolleranza sono ripugnanti e abbiamo assolutamente tolleranza zero per tali atti di odio",mette in evidenza Cuomo.   "Monitoriamo le informazioni che arrivano da Monsey", afferma la polizia anti-terrorismo di New York. Condanna l'attacco anche il procuratore di New York, Letitia James: "C'è tolleranza zero per atti di odio di qualsiasi tipo, continueremo a monitorare la situazione" a Monsey.    "Dopo gli attacchi dell'ultima settimana a Brooklyn e Manhattan spezza il cuore vedere ancora violenza. La comunità ebraica ha bisogno di maggiore protezione", afferma il numero uno dell'Anti-Defamation League.

Donald Trump, commentando su Twitter, ha definito l'antisemitismo una "piaga", parlando di un attacco "raccapricciante": "Dobbiamo unirci tutti per combattere, affrontare e sradicare la piaga malvagia dell'antisemitismo", ha dichiarato il presidente Usa. Qualche ora prima il governatore dello Stato di New York, il democratico Andrew Cuomo, aveva definito l'attacco un "atto di terrorismo"; "sono terroristi domestici", aveva dichiarato, promettendo poi "tolleranza zero contro l'antisemitismo".

Centro Wiesenthal a Trump: fermare attacchi agli ebrei 
In seguito all'attacco in casa del rabbino di Monsey (New York) il Centro Wiesenthal ha lanciato un appello al presidente americano Donald Trump affinchè ordini all'Fbi di organizzare una 'Task force' capace"di mettere fine ai ripetuti attacchi contro gli ebrei e le loro istituzioni". Ha anche rivolto un appello ai leader afro-americani perchè prendano posizione "contro l'ondata di attacchi anti ebraici nell'area di New York". 

Condividi