MONDO

Germania: la polizia tedesca teme nuovi attentati

Attentato al pullman del Borussia Dortmund, gli inquirenti indagano sull'estrema destra tedesca

Dimesso dall'ospedale Marc Bartra, il difensore del Borussia ferito ad un braccio nell'attentato

Condividi
La polizia tedesca ritiene possibili nuovi attacchi, dopo le tre esplosioni avvenute martedì sera vicino l'autobus del Borussia Dortmund. A rischio ci sono soprattutto partite di calcio, concerti rock ed eventi culturali, lo scrive la ‘Welt am Sonntag’ citando un'informativa inviata alle questure regionali. Agli organizzatori viene pertanto consigliato di rafforzare la presenza del personale di sicurezza privato. Secondo il giornale domenicale di Berlino, che cita fonti vicine alle indagini,  l'esplosivo usato per l'attacco contro l'autobus del Borussia Dortmund potrebbe arrivare dalle scorte della ‘Bundeswehr’, le forze armate tedesche. Gli accertamenti sono però ancora in corso. l'innesco militare usato per le esplosioni presuppone conoscenze tecniche e non è facile procurarselo, aggiunge il giornale. Una portavoce della polizia anticrimine tedesca ha spiegato al’agenzia di stampa Dpa che non è ancora possibile fornire informazioni certe sull'esplosivo e che le indagini proseguono.
 
In particolare la magistratura tedesca sta esaminando una nuova rivendicazione dell'attentato avvenuto martedì scorso alla vigilia della partita di Champions League tra Borussia Dortmund e Monaco. Il quotidiano Tagesspiegel ha rivelato oggi di avere ricevuto via email una rivendicazione dell'attentato da parte di una organizzazione di estrema destra. La mail è stata acquisita dalla procura federale che la sta esaminando. Tre lettere simili, trovate nei pressi del luogo dell'esplosione, avevano inizialmente suggerito agli inquirenti la pista islamista, ma successivamente la veridicità delle rivendicazioni è stata messa in discussione.
 
L'unico sospetto fermato dopo l'attacco, un 28enne iracheno, non sarebbe legato a quanto accaduto ma è stata posto in detenzione provvisoria per "appartenenza allo Stato Islamico nel suo Paese di origine e per aver avuto contatti con l'organizzazione dopo il suo arrivo in Germania". Una seconda rivendicazione da parte dell'estrema sinistra era giunta il giorno dopo l'attentato, ma gli inquirenti ne avevano rapidamente scartato l'autenticità.
 
Intanto il difensore del Borussia, Marc Bartra, ferito a un braccio nell'attentato è stato dimesso dall'ospedale. Bartra ha subito una frattura del radio e varie ferite provocate dall'esplosione dei vetri dell'autobus. Secondo l'allenatore del Borussia, Thomas Tuchel, Bartra dovrà restare sotto osservazione per quattro settimane.
 
Condividi