Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Attivista-ambiente-Greta-Thunberg-eletta-donna-anno-dai-giornali-svedesi-5ac89a0a-6b02-48d7-9201-e89fc1a48b01.html | rainews/live/ | true
AMBIENTE

Stoccolma

Clima, l'attivista 16enne Greta Thunberg eletta "donna dell'anno" dai giornali svedesi

La ragazzina ogni venerdì salta la scuola per manifestare davanti al Parlamento di Stoccolma affinché i potenti della Terra si decidano a lottare per il clima. Per venerdì prossimo, il 15 marzo, sono previste oltre 860 proteste in 75 diverse nazioni sparse su tutto il globo, dalle Hawaii alla Nuova Zelanda, passando dagli Stati Uniti all'Europa e in numerose località dell'Africa

Condividi
Greta Thunberg è stata eletta nel suo Paese, la Svezia, "donna dell'anno". L'attivista sedicenne che con i suoi scioperi del venerdì ha dato vita al movimento - ormai di dimensioni globali - degli studenti che lottano per salvare il pianeta dalle devastazioni dei cambiamenti climatici, in un sondaggio dell'istituto Inizio, realizzato per conto del quotidano Aftonbladet, in patria ha battuto la leader dei cristiano-democratici Ebba Busch Thor.

Stesso onore, e sempre con l'occasione dell'8 marzo, le è stato tributato da un altro giornale svedese, Expressen. In questo caso è stata una giuria a scegliere il nome di Greta tra decine di possibili altre scelte.

Nella top ten di Aftonbladet, la ragazzina di Stoccolma che con il suo esempio ha convinto di milioni di ragazzini a scendere in piazza in nome dell'ambiente - batte personalità come l'ex presidente dell'Accademia di Svezia, Sara Danius, o come la principessa Victoria.

"Wow, è incredibile. È una cosa che mi sconvolge, ed è difficile da credere", ha detto Greta al giornale svedese. "Ma è anche la dimostrazione che quello che sto cercando di fare in qualche modo fa la differenza. E il fatto che io sia così giovane è anche buffo. Praticamente sono una bambina", ha aggiunto Thunberg.

La ragazza ogni venerdì salta la scuola per manifestare davanti al Parlamento di Stoccolma affinché i potenti della Terra si decidano a lottare per il clima. In molti Paesi i giovani stanno seguendo il suo esempio, ed ogni venerdì il numero cresce significativamente.

Per venerdì prossimo, il 15 marzo, sono previste oltre 860 proteste in 75 diverse nazioni sparse su tutto il globo, dalle Hawaii alla Nuova Zelanda, passando dagli Stati Uniti all'Europa e in numerose località dell'Africa. 

Condividi