MONDO

Incastrato da un suo biglietto di ringraziamento

Australia, il premier del New South Wales si dimette per una bottiglia di vino in regalo

Un'inchiesta svela che Barry O'Farrell non aveva dichiarato di aver ricevuto da un imprenditore la bottiglia, del valore di 2800 dollari. La rinuncia all'incarico sarà ufficializzata la prossima settimana

Barry O'Farrell
Condividi
Sydney (Australia) Una bottiglia di vino da 2800 dollari costa il posto a Barry O’Farrell, il premier del più popoloso stato australiano, il Nuovo Galles del Sud. Il politico ha rassegnato le dimissioni quando si è scoperto che non aveva dichiarato di averla ricevuta in regalo da un uomo d’affari subito dopo la sua elezione, nel 2011.
 
In Australia gli amministratori devono registrare tutti i regali di valore che ricevono. Un’inchiesta contro la corruzione ha portato alla luce il caso e, quando ha saputo che gli investigatori avevano in mano un suo biglietto di ringraziamento, O’Farrell ha deciso di dimettersi. “Cari Nick e Jodie, volevamo ringraziarvi per il vostro gentile biglietto e per il vino meraviglioso. Il 1959 è stata un’ottima annata, anche se è sempre più lontana. Grazie per tutto il vostro sostegno”. Queste le righe che aveva scritto a Nick Di Girolamo, l’autore del regalo.
 
O’Farrell, che sostiene di non essere particolarmente amante del vino, afferma di non ricordare di aver ricevuto la bottiglia di Penfolds Grange Hermitage, una delle etichette australiane più pregiate. Le dimissioni saranno ufficializzate la prossima settimana, in un meeting del Partito Liberale. O'Farrell ha anche dichiarato agli inquirenti di non aver riservato alcun trattamento speciale all’Australian Water Holdings, la compagnia di Di Girolamo. Nel corso delle indagini è emerso che l’uomo d’affari, sostenitore del Partito Liberale, avrebbe voluto sviluppare dei progetti con il governo di O’Farrell, ma che l’esecutivo ha rifiutato la proposta.

Questo l'annuncio dato da Barry O'Farrell in una conferenza stampa:

Condividi