Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Autonomia-Salvini-con-M5S-lavori-in-corso-noi-siamo-pronti-2dcdd453-3295-4572-95d0-38495d98bcb8.html | rainews/live/ | true
POLITICA

​Autonomia, Salvini: "Con M5S lavori in corso, noi siamo pronti"

"La gestione locale è più efficiente" dice il vicepremier ospite a 'Cartabianca'. La procedura Ue? "Non me la auguro, ma non voglio passare per fesso"

Condividi

Sull'autonomia differenziata ci sono "lavori in corso, noi siamo pronti". Così il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, a 'Cartabianca'. "Avere un'Italia con meno burocrazia, più efficiente, più concreta, che taglia gli sprechi, che amministra i soldi più velocemente e più vicino ai cittadini - dice - è un vantaggio per il Nord, per il Sud, per le Isole, per Bolzano, per Lampedusa. C'è qualche discussione più che altro tra burocrazie ministeriali. E' chiaro che a Roma ci sono burocrati che piuttosto che cedere una matita o un pennarello dicono no, no. Penso che la gestione locale sia più efficiente". Al vertice di Palazzo Chigi "mi ha dato il cambio Giorgetti, che è come se fossi io. Lavori in corso" ripete. Alla domanda se domani l'Autonomia sarà in consiglio dei Ministri, risponde: "Noi siam pronti, le cose van fatte bene".

L'infrazione Ue preoccupa, sarebbe scelta politica
Una procedura d'infrazione? "Non me lo auguro. Preoccupa chiunque: sarebbe una scelta politica, non economica, perché l'Italia dei 28 Paesi Ue è il terzo che paga di più. Noi siamo tra quelli che pagano di più, poi vedersi mettere le dita negli occhi... Non voglio passare per fesso" aggiunge Salvini.

Misure in deficit? Ci sono tante ipotesi. Quota 100 non si tocca, obiettivo quota 41
"Quota 100 non si tocca, è prevista per tre anni, l'obiettivo è quota 41 per far andare in pensione la gente dopo 41 anni di lavoro"  continua il vicepremier. "Non useremo i soldi degli altri" Paesi Ue, "vogliamo far scendere il debito". Riforme in deficit? "Vedremo, ci sono tante ipotesi..", risponde.

Adegueremo le pensioni d'invalidità ferme a 278 euro
"Adegueremo le pensioni di invalidità attualmente ferme a 278 euro" assicura Salvini.   "Non useremo i soldi europei" sottolinea, "ma se mio figlio ha fame, io non gli nego il panino".

Recupereremo centinaia di milioni da Airbnb
"Abbiamo in testa dove andare a tagliare sprechi, dove recuperare dai grandi evasori. Da Airbnb si possono recuperare centinaia di milioni, non capisco perché ci sia qualcuno che faccia concorrenza sleale alle nostre imprese non pagando tasse o Iva" afferma.

Tav: conviene e si è votato, perché dire no?
La Tav? "Oggi c'è stato il bando per un lavoro da un miliardo di euro. L'Italia ha bisogno di viaggiare meglio e più velocemente. La Ue ha aumentato i contributi dal 40% al 55%. I treni inquinano meno dei camion. Se ci conviene perché dire no?" si chiede Salvini.   "E poi - aggiunge - gli italiani hanno votato, anche in Piemonte. Gli italiani ci chiedono di lavorare, di fare infrastrutture, strade, autostrade, ferrovie, ponti".

Milano-Cortina: a Roma prima pensare alle buche e ai topi
"Ho letto la polemica sulle Olimpiadi di Roma: vista la situazione in cui è la città, mi accontenterei che non ci fossero i crateri sulle strade e non ci fossero topi grossi così sui marciapiedi. Ma in questo caso è diverso: l'importante è garantire che non ci siano sgarri ma le Olimpiadi Milano-Cortina, se verranno mantenuti gli impegni, saranno le più economiche della storia e porteranno introiti a tutta Italia" dice. 

Non accetterei uno stop al taglio delle tasse
Le priorità del governo, da qui alla fine dell'estate, sono "taglio delle tasse e della burocrazia"  ribadisce quindi Salvini, tornando a invocare l'anticipo della manovra. A chi gli chiede su cosa possa cadere il governo, risponde: "Io voglio andare avanti per quattro anni. Quello che non accetterei è che qualcuno mi dica no, per quest'anno le tasse non si possono abbassare. Non le voglio abbassare per tutti ma iniziare a farlo per una parte. Se mi dicessero no, non l'accetterei".

Regeni: in Egitto non c'è molta voglia di dare la verità
"Ho piena fiducia nel presidente del Consiglio e nel ministro degli Esteri" dice rispondendo a una domanda sulla vicenda di Giulio Regeni. "Ne ho parlato con Al Sisi ma evidentemente in Egitto non hanno tutta questa voglia di far emergere la verità", aggiunge. Quanto alla richiesta dei genitori del giovane ricercatore di ritirare l'ambasciatore, risponde: "Non me ne occupo io, se servisse lo farei, ma temo che non sia quello a poter risolvere la questione", sottolinea.

Sea Watch: se entrano in Italia sequestro la nave
"Una nave olandese di una ong tedesca che raccoglie migranti in acque libiche perché deve arrivare in Italia? Sono 15 giorni che stanno qui. In 15 giorni sarebbero arrivati in Olanda" dice sulla vicenda della nave ong ferma 12 giorni al limite delle acque territoriali italiane con a bordo 42 migranti. "I migranti della Sea Watch in Italia non arrivano - dichiara- non mi faccio dettare le leggi da una nave olandese e da una ong tedesca. In Italia si arriva se si ha il permesso di entrare. Se entreranno in Italia, la nave sarà sequestrata. La Sea Watch è scientemente complice dei trafficanti di esseri umani. I porti più vicini sono Malta e Tunisia. Perché devono venire in Italia? Vadano in Francia, Olanda, dove vogliono. In Italia no. E mi sembra che gli italiani apprezzino la mia linea. Se accade qualcosa a questi 42 immigrati la colpa è dei signori delle ong e dei signori del governo olandese, a cui ho scritto tre volte".

Condividi