Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Banche-allarme-del-presidente-ABI-Patuelli-Italia-scelga-Unione-europea-o-fara-fine-dell-Argentina-5edf081e-3d13-4620-83f1-15d040896b93.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Relazione ABI

Banche, allarme del presidente ABI Patuelli: Italia scelga Unione europea o farà fine dell'Argentina

Relazione annuale del presidente dei banchieri: "La scelta strategica deve essere di partecipare maggiormente all'Unione Europea impegnando di piu' l'Italia nelle responsabilita' comuni, anche con un portafoglio economico nella prossima Commissione Europea. Altrimenti l'economia italiana potrebbe finire nei gorghi di un nazionalismo mediterraneo molto simile a quelli sudamericani"

Condividi
Allarme Sudamerica per l'economia italiana, arriva dai banchieri italiani riuniti nell'Assemblea dell'Abi. A laciarlo il Presidente, Antonio Patuelli, che nel suo intervento ha passato in rassegna rischi e opportunità dell'attuale congiuntura economica e politica.

L'Italia come l'Argentina
"La scelta strategica deve essere di partecipare maggiormente all'Unione Europea impegnando di piu' l'Italia nelle responsabilita' comuni, anche con un portafoglio economico nella prossima Commissione Europea. Altrimenti l'economia italiana potrebbe finire nei gorghi di un nazionalismo mediterraneo molto simile a quelli sudamericani". L'allarme e' del presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, che ha ricordato come "in questa primavera, in Argentina, il tasso di sconto ha perfino raggiunto il 40%. Con la Lira italiana, negli anni Ottanta, il tasso di sconto fu anche del 19%".

Crisi bancarie, clima giacobino
Per Patuelli "le crisi bancarie hanno stimolato un clima spesso giacobino e pesato sulla fiducia che e' premessa di sviluppo. Con Raffaele Mattioli siamo convinti che chi tutela i risparmiatori, tutela la banca. L'Unione bancaria deve consentire ai sistemi nazionali di garanzia dei depositi di poter effettuare interventi preventivi per banche in crisi, per evitare danni maggiori".

Voltare pagina. Chiarire responsabilità crisi bancarie
"Per voltare definitivamente pagina, occorre sia fatta definitiva luce sulle responsabilita' nelle crisi bancarie".  "Le banche sane sono moralmente parte civile- osserva Patuelli avendo subito i danni dalle crisi bancarie altrui. Abbiamo grande rispetto per la Magistratura e attendiamo, il piu' presto possibile, le conclusioni dei processi", termina.

Spinta per unione bancaria
"In Europa occorre una nuova spinta per un'Unione bancaria con regole identiche, con Testi unici di diritto bancario, finanziario, fallimentare e penale dell'economia e con coerenza fra regole contabili e prudenziali". Cosi' il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli. "Bisogna superare le contraddizioni a cui sono soggette le banche- sostiene- che debbono operare come banche d'Europa, con la Vigilanza unica, e contemporaneamente come banche con ancora nazionali e diversi diritti bancari, finanziari, fallimentari, penali dell'economia e soggette alla concorrenza dei diritti tributari. La concorrenza in Europa si basa molto anche sulla produttivita' della giustizia civile. La concorrenza e' indispensabile e necessita di regole identiche in Europa, con uguali punti di partenza, altrimenti diviene conflitto. Questi testi unici sono molto urgenti e possono anche favorire la riduzione e la condivisione dei rischi per la realizzazione del terzo pilastro" , termina Patuelli.
Condividi