MONDO

La Spagna dopo la strage

Barcellona, per i media spagnoli Youssef Abouyaaqoub è stato ucciso

Legami dell'imam con gli iracheni coinvolti nella strage di Nassiriya del 2003

Condividi
Secondo i media spagnoli, Youssef Abouyaaqoub, il 22enne marocchino autore della strage sulla Rambla di Barcellona, sarebbe stato ucciso dopo una sparatoria.

Un uomo che indossava una cintura esplosiva e urlava "Allahu Akbar" è stato ucciso a Subirats, 50 km da Barcellona. Lo hanno riferito i vari media spagnoli. Dopo la neutralizzazione della cintura, sarà possibile il riconoscimento ufficiale.

Secondo quanto afferma la rete televisiva catalana Tv3, un testimone avrebbe avvertito la polizia sulla presenza di un sospetto in un benzinaio di Subirats.


Nella tarda mattinata era scattata un'operazione della polizia a Barcellona per il ritrovamento di un pacco sospetto su un bus, ma si è rivelato poi un falso allarme.

La polizia catalana è in possesso di "indizi abbastanza rilevanti e solidi" secondo i quali uno degli almeno due terroristi uccisi nell'esplosione nell'abitazione ad Alcanar è l'imam di Ripoll Abdelbaki Es Satty. Lo ha affermato il capo della polizia Josep Lluis Trapero.

L'imam è considerato l'ideologo della radicalizzazione dei giovani terroristi, in ragione dei contati avuti in carcere con elementi legati all'attentato di Atocha del 2004, ma anche per i legami con uno degli iracheni coinvolti nella strage di Nassiriya contro il contingente italiano nel 2003. 

Intanto, a Barcellona c'è un uomo che parla e svela le trame del terrore.

Ministro, bilancio ufficiale 15 vittime
Il bilancio ufficiale delle vittime degli attentati jihadisti di Barcellona e Cambrils la settimana scorsa è di 15 morti. Lo ha detto oggi il ministro degli Interni catalano, Joaquim Font. La polizia ha infatti stabilito che Pau Perez, il giovane trovato morto all'interno di un'auto che aveva forzato un posto di blocco sulla Meridiana poco dopo la strage della Rambla, era stato ucciso in precedenza dal terrorista Younes Abouyaaqoub.
Condividi