Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Bayer-Baumann-Fusione-con-Monsanto-nel-secondo-trimestre-del-2018-1ba5d2fe-699b-446f-8ca1-38519a9a0139.html | rainews/live/ | true
MONDO

Nel 2017 l'azienda chimica tedesca ha registrato 35 miliardi di ricavi

Bayer, Baumann: "Fusione con Monsanto nel secondo trimestre del 2018"

Il colosso farmaceutico tedesco  fa sapere che comunque è pronto a fare concessioni aggiuntive per consentire la fusione da 66 miliardi di dollari

Condividi
La fusione tra la tedesca Bayer e la statunitense Monsanto potrebbe richiedere più tempo del previsto da parte della autorità di controllo. Lo rende noto il colosso farmaceutico tedesco il quale fa sapere che comunque è pronto a fare concessioni aggiuntive per consentire la fusione da 66 miliardi di dollari. Inizialmente la fusione avrebbe dovuto essere avere tutti i via libera dall'inizio di quest'anno. "Pensiamo a una possibile conclusione nel secondo trimestre del 2018", spiega l'amministratore delegato di Bayer, Werner Baumann. "Il nostro obiettivo ora  quello di essere in grado di chiudere l'operazione nel secondo trimestre del 2018", sottolinea il ceo del colosso chimico farmaceutico tedesco, Werner Baumann alla presentazione dei dati di bilancio. "Ciò non influisce sulla nostra aspettativa di una positiva conclusione dell'esame del regolatore né sulla nostra convinzione che questo  il passo giusto", aggiunge.  Sulla fusione Bayer-Monsanto di recente ha dato il disco verde il Brasile che è uno dei più importanti mercati per l'agricoltura. "Si tratta di una pietra miliare per la strada della chiusura dell'operazione", evidenza Baumann. In generale l'autorizzazione  arrivata da circa 30 Paesi nel mondo. All'appello mancano Europa e Stati Uniti. La Commissione europea  è a lavoro e una risposta  attesa per il 5 aprile.

Bayer mette in vendita settore 'vegetable seeds'
Bayer, nell'ambito dell'acquisizione di Monsanto, mette in vendita Nunhems il business dei 'vegetable seeds', ovvero dei semi orticoli. Ad annunciarlo il ceo del colosso chimico farmaceutico, Werner Baumann, nel corso della presentazione dei conti di bilancio.  La cessione del business  è soggetta all'approvazione delle autorità e alla definizione dell'acquisizione di Monsanto da parte di Bayer. Al momento il business 'vegetable seeds' è presente in una quarantina di paesi.  

Nel 2017 utile +62%, ricavi a 35 miliardi  
Bayer archivia il 2017 con utili in crescita del 61,9% a 7,3 miliardi di euro. Il fatturato sale dell'1,5% a 35,01 miliardi. L'Ebitda si attesta a 9,2 miliardi e l'ebit cresce del 2,9% a 5,9 miliardi. Si  trattato di un altro anno record per il farmaceutico con un incremento dei ricavi del 4,3%. L'indebitamento  è calato del 69,5% 3,59 miliardi di euro.    In generale "operativamente" si è trattato di un anno "di alti e bassi", spiega il ceo del colosso chimico farmaceutico, Werner Baumann che sottolinea come si sia trattato dell'anno in cui "abbiamo fatti passi avanti sulla proposta d'acquisto su Monsanto". Il manager aggiunge inoltre che il gruppo "rimane focalizzato sugli obiettivi" e resta convinto delle "prospettive di lungo termine" Per cui guarda "al futuro con ottimismo". 

Ong, 54% cittadini Ue contro fusione  
La maggior parte dei cittadini europei pensa che la Commissione Ue debba bloccare la fusione tra Bayer e Monsanto. Lo sostengono Friends of the Earth Europa e i movimenti SumOfUs e WeMove.eu, sulla scorta di un sondaggio condotto su oltre 7mila persone in quattro Stati membri (Germania, Spagna, Francia, Danimarca e Regno Unito).   Secondo il 54% degli intervistati la Commissione dovrebbe bloccare la fusione tra il colosso tedesco della chimica farmaceutica e la multinazionale americana sinonimo di ogm in agricoltura.   Il 47% si dice abbastanza o molto preoccupato dall'operazione. I risultati del sondaggio, insieme ad una petizione da 1 milione di firme contro l'accordo, saranno consegnati oggi al commissario Ue alla concorrenza Margrethe Vestager. Dopo molti rinvii, i servizi antitrust dell'Esecutivo Ue dovrebbero pronunciarsi sulla fusione il 5 aprile. 
Condividi