Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Berlinale-si-cambia-italiano-Chatrian-direttore-dal-2020-0d55ee72-d946-4da5-80e8-354d9aecd677.html | rainews/live/ | (none)
CULTURA

Berlinale, si cambia: l'italiano Chatrian direttore dal 2020

Dopo 17 anni di conduzione di Dieter Kosslick e dopo 68 anni a guida di un direttore solo un cambiamento drastico alla guida del Festival con una doppia nomina: Chatrian e l'olandese Mariette Rissenbeek, direttrice amministrativa

Il nuovo direttore artistico della Berlinale, Carlo Chatrian
Condividi
Il giornalista e critico cinematografico torinese Carlo Chatrian sarà direttore artistico della Berlinale a partire dall'edizione 2020. La nomina, si legge sul sito web della festival cinematrografico di Berlino, si aggiunge a quella dell'olandese Mariette Rissenbeek, che sarà direttrice amministrativa. Uno sdoppiamento di incarichi che segnerà la sostituzione dell'attuale direttore Dieter Koesslich.
 
Dunque  un cambiamento drastico alla guida del Festival di Berlino. Lui  il torinese Carlo Chatrian, ex direttore del piccolo ma prestigioso Festival di Locarno, lei Mariette Rissenbeek, produttrice cinematografica di lunga e provata esperienza che lavora in Germania dagli anni '80. Dopo 17 anni di conduzione di Dieter Kosslick e dopo 68 anni a guida di un direttore solo, il passaggio a una condirezione di un uomo e una donna sembra accontentare tutti: "Abbiamo l'occasione di suddividere un po' i compiti", ha detto oggi la delegata federale alla cultura Monika Gruetters, spiegando la decisione presa dal Consiglio di  vigilanza delle manifestazioni culturali della federazione (KBB).

Dopo mesi di discussioni e prese di posizione sul profilo ideale del nuovo direttore la scelta sembra aver accontentato tutti, continua Gruetters: "Con la nuova condirezione  garantito ora che la Berlinale, dal  2019 in avanti, manterrà il carattere politico e il suo programma impegnato e al tempo stesso si svilupperà ulteriormente" ha detto la delegata federale alla cultura. La Berlinale "sarà più giovane, più internazionale, più sperimentale con la futura conduzione di Carlo Chatrian, che allo stesso tempo porterà competenze artistiche e di curatore che molti artisti ed esperti avrebbero desiderato" ma "allo stesso tempo sar più femminile con la conduzione di Mariette Rissenbeek, che garantisce la continuità e la competenza nell'ambito dell'industria cinematografica".

Profilo artistico e manageriale di alto livello dunque, per restare nella tradizione ma competere meglio con i grandi festival nel mondo. Carlo Chatrian, al quale sono arrivate le congratulazioni del neo ministro della cultura Alberto Bonisoli, si  detto onorato e orgoglioso di prendere parte ad un festival che ha una storia cos gloriosa come la Berlinale: " una grande sfida che prendo molto sul serio", ha detto Chatrian. Rissenbeek invece sarà competente per il budget, il personale e le procedure organizzative e "i vari meccanismi per favorire la cultura, un po' complicati in Germania", ha continuato Gruetters. Lo storico direttore, Dieter Kosslick, rimarrà in carica ancora per la Berlinale del febbraio 2019 e le consegne ai nuovi condirettori si passeranno nella primavera del prossimo anno.
Condividi