Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su
POLITICA

Salvini: Meloni il miglior candidato possibile

'Gazebarie' a Roma, Berlusconi: "Bertolaso vincerà al primo turno"

Il leader azzurro sulle polemiche con la Lega di questi giorni sottolinea: "Non pensiamo alla carriera politica di ciascuno, non ne posso più dei professionisti della politica"

Condividi
L'ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso "è un fuoriclasse", e tutti gli altri candidati alla poltrona di sindaco di Roma "messi di fianco a Bertolaso non possono che suscitare delle risate se qualcuno volesse addirittura fare un confronto". Così Silvio Berlusconi ha descritto ai giornalisti la sua scelta per il Campidoglio, scelta per ora non condivisa da tutte le forze di centrodestra.

Parlando in piazza del Pantheon sotto uno dei gazebo messi in piedi da Forza Italia per la "consultazione popolare" su Bertolaso, Berlusconi ne ha tessuto a lungo le lodi e ha prefigurato così il futuro della ipotetica giunta di centrodestra: "Ha trovato immediatamente una formula che dobbiamo assolutamente condividere e condividiamo, che è quella della tolleranza zero verso il degrado, tolleranza zero verso chi non rispetta le regole. Sarà capace - ha aggiunto l'ex premier - di mettere su una squadra non di politici, non di cosiddetti tecnici, grazie, ne abbiamo avuti abbastanza, ma di persone prese dalla vita vera".

"Bertolaso è un fuoriclasse, ha lavorato sia nel pubblico che nel privato, è un uomo dal grande cuore, dal grande coraggio, è andato - ha detto ancora Berlusconi - ad aiutare chi aveva subito il terremoto, a curare senza paura i malati di Ebola, io ho lavorato al suo fianco per diversi anni, abbiamo risolto insieme i rifiuti di Napoli e Campania in 58 giorni, abbiamo risolto insieme moltissimi altri problemi e abbiamo operato per risolvere i problemi causati in Abruzzo dal terremoto. La sera del terremoto, tutti coloro che avevano avuto la casa rovinata erano distribuiti sugli alberghi della costa adriatica e gli altri che non volevano abbandonare la casa per paura che fossero asportati degli oggetti, tutti allocati in tende dotati di tutti i servizi, televisione eccetera.

E poi in quattro mesi e mezzo abbiamo costruito case per venticinquemila abruzzesi. E sono tutte bellissime. Ci andremo insieme, ci hanno fatto molti inviti, vogliono farci fare il ruolo della Madonna e di Gesù bambino, stiamo discutendo con Bertolaso chi fa la Madonna e chi fa Gesù bambino".

Secondo Berlusconi "Bertolaso era già in giro in Africa per costruire insieme a me ospedali per bambini nei paesi poveri. Io ne ho già fatti in Amazzonia, ne ho già fatti in Thailandia, ho intenzione di dedicarmi a questa attività, perché là dove ci sono dei bambini gravemente ammalati, addirittura morenti, vengono abbandonati in un modo che non può, vedendo degli speciali televisivi su questo, che suscitare lacrime".

"Abbiamo ancora - ha precisato il leader azzurro - questo programma con Bertolaso, ma Roma è un grande problema. Non è soltanto la caput mundi, l'urbs urbium, la città delle città, non è soltanto l'esempio della storia, della cultura, della civiltà italiana. E' la nostra carta d'identità, e Roma è ridotta come tutti sanno in un degrado inaccettabile, con servizi cui i romani avrebbero diritto che o mancano addirittura o sono comunque carenti".

"Ci ho messo tre mesi a convincere Bertolaso, che si sente lontanissimo dalla politica, che non vuole fare dibattiti politici, dialettica politica, è un uomo del fare, a lasciare per ora da parte quel progetto e venire a occuparsi della sua città", ha aggiunto Berlusconi.

Berlusconi: il Pd di Renzi è simile a quello che ha alle spalle
Il Cavaliere intervenendo telefonicamente a un convegno di Fi a Firenze ha sottolineato: "questo nuovo Partito democratico di Matteo Renzi ha fatto cadere tutte le speranze che avevamo perchè è assolutamente simile a tutta la storia che si tiene alle spalle, dal Pci che poi pian piano è diventato Pds, poi Ds, poi Pd: insomma, hanno fatto un lifting di facciata ma non è cambiata l'arroganza del loro potere". 

Salvini, Meloni? E' la migliore candidata possibile
"La Meloni è la migliore candidata possibile per Roma": così il segretario della Lega Matteo Salvini ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se appoggerà una candidatura della leader di Fratelli d'Italia nella capitale. A chi gli ha chiesto, a margine di un incontro elettorale con il candidato sindaco Stefano Parisi, se ci sia aria di rottura tra lui e Silvio Berlusconi, Salvini ha replicato con un sorriso: "A Milano c'è il sole". 
Condividi