Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Berlusconi-esce-da-ospedale-e-vende-il-Milan-Lo-consegno-a-chi-puo-farlo-tornare-protagonista-751ec78a-c3c1-4d33-85c0-d904ec5ca231.html | rainews/live/ | (none)
SPORT

Il Cavaliere lascia

Berlusconi esce dall'ospedale e vende il Milan: "Lo consegno a chi può farlo tornare protagonista"

Una dichiarazione, e una giornata, che passera' alla storia, anche se di fatto l'accordo verra' ratificato tra il 12 e il 15 luglio, mentre il closing definitivo avverra' il prossimo autunno 

Condividi
Dopo un anno e mezzo di voci, supposizioni, ipotesi e fantacessioni, la svolta epocale per il Milan e' arrivata davvero. E' stato il proprietario attuale del club, Silvio Berlusconi, a dare l'annuncio del passo ormai imminente: il Milan verra' ceduto da Fininvest a una cordata di imprenditori cinesi. L'occasione era ghiotta per i giornalisti, presenti in massa all'esterno dell'ospedale San Raffaele di Milano, dove il numero uno rossonero era ricoverato dallo scorso 14 giugno, giorno in cui fu operato al cuore.

Quasi un mese passato in cattivita', giorni di riflessioni e ripensamenti, notti insonni per una questione a lui troppo cara. La voce e' flebile e rauca, ma lascia trasparire orgoglio e desiderio di volere il meglio per il suo Milan: "Credo che l'ultima scelta sia importante, consegnare il Milan a chi puo' farlo tornare di nuovo protagonista in italia, in Europa e nel mondo. Ho rinunciato a qualunque pretesa economica e ho accettato cio' che mi e' stato proposto anche se non tiene conto del valore del brand, ma in cambio ho preteso che ci fosse l'impegno dei nuovi acquirenti di versare nelle casse della societa' almeno 400 milioni di euro nei prossimi due anni". Una dichiarazione, e una giornata, che passera' alla storia, anche se di fatto l'accordo verra' ratificato tra il 12 e il 15 luglio, mentre il closing definitivo avverra' il prossimo autunno.

"Sono qui da 30 anni, ma negli ultimi 4 anni, a causa di una sentenza paradossale che mi ha colpito con una condanna assurda, la mia preoccupazione e' stata un'altra. Non ho seguito il Milan come in passato e ora vorrei chiudere un periodo di 30 anni, che ha visto vincere 28 trofei e un popolo rossonero aumentato nel numero".

Un commiato inaspettato forse nei modi e nei tempi, che pero' non sorprende i tifosi. Ogni giorno era buono per l'annuncio, Berlusconi ha scelto forse uno dei momenti piu' importanti della sua vita non professionale. Ora la palla passera' ad Adriano Galliani, che con l'appoggio del futuro dirigente rossonero Nicholas Gancikoff (rappresentante del consorzio) e sugli input del neo allenatore Vincenzo Montella, dovra' fare un mercato sontuoso, che possa giustificare i circa 100 milioni di euro messi subito a disposizione. Un mercato pilotato dal gruppo cinese, ancora misterioso per poco, sino al giorno dell'accordo della settimana prossima. 
Condividi