Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su
MONDO

La difesa a "Il Cittadino"

Bertone: "Ho ristrutturato l'attico con i miei soldi, non sapevo dei fondi del Bambin Gesù"

Il cardinale Tarcisio Bertone interviene sulle accuse mosse dal libro di Emiliano Fittipaldi - "Avarizia" - secondo le quali avrebbe pagato la ristrutturazione di un suo immobile a Roma con i soldi della Fondazione Bambin Gesù

Condividi
"Ho pagato con i miei risparmi per un appartamento non mio, che resterà rinnovato a disposizione del Vaticano. Come risulta da documentazione, ho versato dal mio conto al Governatorato circa 300 mila euro".

Così il cardinale Tarcisio Bertone su "Il Cittadino" si difende ancora in merito ai fondi utilizzati per ristrutturare l'attico della sua abitazione. Secondo quanto scritto nel libro 'Avarizia' di Emiliano Fittipaldi, per i lavori sarebbero stati utilizzati i fondi destinati all'ospedale pediatrico della Santa Sede Bambin Gesù.

Il card. Tarcisio Bertone, poi, annuncia di aver dato mandato al proprio legale "di svolgere indagini per verificare cosa sia realmente accaduto" nella vicenda della ristrutturazione dell'attico in Vaticano a lui destinato, anticipando che "nel caso in cui
venisse accertato che sono state effettuate azioni fraudolente a mio danno non esiterò a reagire". Il cardinale sottolinea anche che "i locali erano in pessime condizioni".
 
L'ex segretario di Stato ed ex arcivescovo di Genova affronta anche il tema di un volo in elicottero. "Circa un mio volo in elicottero in Basilicata, preciso che mi fu messo a disposizione da non so quale ente un elicottero che mi ha trasportato
all'inaugurazione del Centro Regionale Bambino Gesù della Basilicata, Agenzia Ospedaliera San Carlo, Potenza, il 24 febbraio 2012".

E, proprio su questo, arriva la replica dell'alto prelato: Ho saputo poi di un contributo dato dalla 'Fondazione Bambino Gesù' al medesimo scopo. "Escludo in
modo assoluto di aver mai dato indicazioni o autorizzato la 'Fondazione Bambino Gesù' ad alcun pagamento". 
Condividi