Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Birmania-esercito-ammette-uccisione-Rohingya-prima-volta-6e000289-4e36-4ebb-ae02-5497e210cc8c.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Birmania: esercito ammette uccisione Rohingya, è la prima volta

Dieci corpi ritrovati in fossa comune: 'E' stata rappresaglia' 

Condividi
Per la prima volta, l'esercito birmano ha ammesso oggi di aver ucciso 10 musulmani Rohingya i cui corpi sono stati ritrovati il mese scorso in una fossa comune. L'ammissione, dopo l'offensiva nello stato Rakhine quattro mesi fa, è arrivata oggi dallo stesso capo delle forze armate birmane, generale Min Aung Hlaing, con un post sul suo profilo Facebook, che ha parlato di una "rappresaglia".

Le uccisioni dei "terroristi bengalesi", nella versione dell'esercito, sono state una rappresaglia dei militari e di buddisti locali dopo che i Rohingya avevano ucciso dei buddisti in un villaggio.  "L'incidente è avvenuto perché i residenti buddisti erano stati minacciati e provocati dai terroristi", conclude il comunicato.

Dalla fine di agosto, oltre 650mila Rohingya sono fuggiti dallo Stato birmano Rakhine rifugiandosi in Bangladesh e portando con sé innumerevoli testimonianze di uccisioni, abusi sessuali, roghi appiccati a interi villaggi. L'Onu ha definito l'offensiva "un esempio da manuale di pulizia etnica", un'accusa che però le autorità birmane hanno sempre negato. Fino ad oggi, l'esercito aveva sempre sostenuto di non aver ucciso nessun Rohingya. Il mese scorso, l'organizzazione Medici senza frontiere ha invece stimato in almeno 6.700 le vittime Rohingya in quattro mesi.
Condividi