Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Bolivia-morales-dimissioni-Argentina-e53b3c0c-b4c3-4198-87fa-7fbbe18e3c3e.html | rainews/live/ | true
MONDO

Crisi in Bolivia, Morales annuncia le dimissioni

Il presidente boliviano si è dimesso in anticipo dal suo mandato ed è fuggito dalla capitale per rifugiarsi nella zona di Cochabamba. L'opposizione: c'è un ordine di cattura per Morales

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Dopo una giornata convulsa, in serata il presidente Evo Morales ha annunciato le sue dimissioni. Morales non ha però lasciato la Bolivia, come inizialmente avevano ipotizzato fonti giornalistiche locali. L'aereo presidenziale sul quale Morales è stato visto imbarcarsi da La Paz lo ha condotto nella città di Chimorè, nel dipartimento di Cochabamba, da dove il presidente ha annunciato la decisione di dimettersi. Media locali avevano ipotizzato che il presidente fosse diretto in Argentina. 

La decisione di lasciare è arrivata dopo che il capo dell'Esercito, il generale Williams Carlos Kaliman Romero, gli aveva espressamente richiesto di fare un passo indietro.

Nel Paese ci sono state durissime proteste a seguito della rielezione di Morales lo scorso 20 ottobre. In giornata gli osservatori internazionali avevano chiesto che il contestato risultato elettorale fosse annullato. 

Poco dopo la partenza il comandante dell'esercito boliviano, generale Williams Carlos Kaliman Romero, ha annunciato che Morales ha accettato di dimettersi.

Dopo le dimissioni del presidente, sono arrivate anche le dimissioni del suo vice, Alvaro Garcia Linera. I due sono apparsi insieme in un video e hanno comunicato la loro decisione. 

Il presidente della Bolivia ha comunicato, tramite una dichiarazione dalla città di Chimoré nel Dipartimento di Cochabamba la sua rinuncia alla Presidenza: "Ho l'obbligo di operare per la pace e mi fa molto male che ci si scontri fra boliviani. Mi fa male che alcuni comitati civici e partiti che hanno perso le elezioni abbiano scatenato violenze ed aggressioni". "E' per questa ed altre ragioni - ha continuato Morale - che sto rinunciando al mio incarico inviando la mia lettera al Parlamento plurinazionale. Il nostro grande desiderio - ha detto Morales - è che torni la pace sociale". 

La Bolivia torna quindi al voto.
Condividi