Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Borse-in-calo-in-tutta-Europa-a-Wall-Street-record-di-Facebook-80d70e60-7fb0-45b4-8be9-02b855b76ab2.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Borse in calo in tutta Europa. A Wall Street record di Facebook

Condividi
di Fabrizio Patti Apertura con il segno meno per tutti i principali indici azionari europei. Per il Ftse Mib -1,23%, dopo il +1% di ieri. Londra -0,80%, Francoforte -1,20%, e Parigi -1,30%. Il dato che gli investitori oggi attendono arriverà alle 10: è l'indice Pmi di maggio, che dirà quanto le imprese stanno ripartendo nell'Eurozona in termini di ordini e di aspettative nei servizi e nella manifattura.

Nella notte i mercati asiatici sono stati in lieve calo: mezzo punto percentuale di calo per gli indici di Shanghai e Hong Kong, -0,2% per il Nikkei di Tokyo. L'export giapponese è sceso ad aprile del 22%, ma è un dato in linea con le previsioni.

Pesano le nuove tensioni tra Stati Uniti e Cina. Ieri il Senato Usa ha votato a favore di una legge che potrebbe portare alla cancellazione di molte società cinesi dalle borse americane. La legge prevede che tutte le società adeguino i principi contabili a quelli statunitensi.

Ieri intanto è continuata la corsa dei titoli tecnologici a Wall Street (Nasdaq +2,08%, Dow Jones +1,52%), guidati dall'exploit di Facebook (+6%), che ha toccato il massimo storico dopo la presentazione di un nuovo servizio di vendite tra privati.

Sul fronte dei titoli di Stato si è chiuso con un successo il collocamento ai privati del Btp Italia: raccolti 14 miliardi in tre giorni. In apertura oggi lieve salita per lo spread Btp/Bund: +3 punti base, a quota 216. A Piazza Affari tra i settori principali scendono le banche (-1,60% per l'indice Ftse All Share Banks), così come utilities, industriali e oil&gas, con cali entro il punto. In controtendenza i settori delle telecomunicazioni e chimico/farmaceutico.

Tra i singoli titoli, ribassi oltre il 3 per cento per Leonardo e StMicroelectronics. Seguono Mediobanca, Bper, Cnh Industrial e Banco Bpm, con cali oltre il 2,5 per cento. Solo tre titoli sui 40 del Ftse Mib sono in salita: Atlantia (+0,4%), Exor (+0,3%) e Tim (+2%).
Condividi