ECONOMIA

​Borse in stallo, si attende Wall Street

Condividi
di Paolo Gila Mercati in surplace, con gli operatori in attesa della riapertura di Wall Street dopo la pausa di ieri per la festività del Ringraziamento. A metà seduta Milano viaggia intorno alla parità, in linea con l’andamento prudente degli altri listini azionari europei.

Il petrolio è in calo, oscilla intorno ai 47 dollari e 50 centesimi il barile; in flessione anche l’oro, a 1189 dollari l’oncia, pari a circa 37 euro al grammo.

A Piazza Affari le attenzioni degli operatori sono puntate sul titolo MPS che, dopo l’approvazione del piano di ricapitalizzazione, cede quasi il 6%, segno che gli investitori non apprezzano le modalità di conversione dei bond previste nel programma di ristrutturazione varato al termine dell’assemblea di ieri.

In evidenza sul listino milanese sono tornate le Generali e Yoox. Qualche timido apprezzamento per Recordati e Italgas dopo alcune sedute incerte. Ritracciano invece Enel e Eni.

Sul mercato dei titoli di stato lo spread sale a 189 punti base, con il rendimento dei btp decennali al 2 e 12%. Sul versante valutario l’euro è in leggero rafforzamento e ora incrocia il dollaro a 1,05 e 90 (1,05 e 45 ieri) dopo aver tentato più volte di sforare il limite della quota 1,06.

Aggiornamento delle ore 12:30
Condividi