Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Botti-di-Capodanno-bilancio-feriti-incidenti-bc754a1c-6b28-4acd-8d87-7d9f3b7a9704.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Nessun morto, ma molte persone in ospedale

Botti di Capodanno, bollettino di guerra: decine di feriti, bimbo di 10 anni in prognosi riservata

Pesante anche quest'anno il bilancio degli incidenti in seguito all'esplosione dei fuochi d'artificio per festeggiare l'anno nuovo: i feriti sono 251. A Napoli una deflagrazione fa crollare l'androne di un edificio. In Abruzzo un 14enne perde una mano. Nel Catanese una 12enne ferita da un proiettile vagante

Fuochi d'artificio (Ansa)
Condividi
Napoli Nessun morto, ma 251 feriti in tutto il paese. Anche se secondo la Polizia si registra un calo del 30% rispetto allo scorso anno, è elevatissimo il numero di persone finite in ospedale a causa dei botti di Capodanno. 
 
Napoli, ferite 48 persone. Ricoverato bimbo di 10 anni
Solo a Napoli e provincia i fuochi d’artificio esplosi per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo hanno ferito 48 persone, tra le quali anche alcuni bambini. Un ragazzino di 10 anni è stato ricoverato in prognosi riservata con ferite agli occhi. Nel quartiere di Barra l’esplosione di un pacco di petardi ha causato il crollo parziale dell’androne di un edificio: tre persone hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari, ma non sono gravi. Lo stabile è stato evacuato. Numerosi inoltre gli interventi dei Vigili del fuoco per incendi di cumuli di rifiuti.
 
La situazione nel resto della Campania
In provincia di Caserta si segnalano nove feriti, mentre nel Salernitano tredici persone sono finite al pronto soccorso. Il più grave è un ragazzo di 21 anni, che ha riportato lesioni a un occhio e a un dito. Almeno dieci i minorenni portati in ospedale per intossicazione da superalcolici. Complessivamente in Campania sono 71 i feriti.

L'Aquila, 14enne perde una mano
In Abruzzo l'episodio più grave si è verificato all'Aquila. Un ragazzino di 14 anni di Pizzoli ha probabilmente perso l'uso della mano a causa dell'esplosione di un botto. Il ragazzo è stato poi trasportato dall'ospedale aquilano al Bambin Gesù di Roma.

Sicilia, 12enne ferita da un proiettile vagante
A Mascalucia, nel Catanese, una 12enne è stata ferita a un piede da un proiettile vagante mentre stava festeggiando assieme a parenti e amici l'arrivo del nuovo anno. Fortunatamente è stata giudicata guaribile in 10 giorni. Peggio è andata a un militare dell'Esercito, che sempre a Catania ha riportato lesioni a una mano. 

Due feriti gravi nel Foggiano
Hanno perso la mano anche due persone ferite in provincia di Foggia. Si tratta di due uomini, rispettivamente di Torremaggiore e di Vieste. Nel Barese un ragazzo di 14 anni di Bitritto si è procurato lesioni al volto e al torace, mentre un trentenne è stato ricoverato per una ferita a un occhio. 

Calabria, 12 feriti per i botti
In Calabria sono 12 le persone finite al pronto soccorso. Due di loro sono stati ricoverati nel Crotonese per ferite agli occhi, mentre nel Vibonese un 46enne ha perso la falange di un dito di una mano. 

Quattro persone ricoverate in Basilicata
È di 30 giorni la prognosi per due persone ferite agli occhi dallo scoppio di fuochi pirotecnici a Potenza e ricoverate nel capoluogo lucano. Sempre in Basilicata, ma nella zona di Melfi, altre due persone sono rimaste ferite, una alle mani e l'altra agli occhi, e sono state ricoverate nell'ospedale.

Milano, un 29enne perde cinque dita
A Milano il ferito più grave è un egiziano di 29 anni, che ha perso tutte le dita di una mano. Aveva deciso di lanciare un grosso petardo dalla finestra senza accorgersi che era chiusa. Il botto è rimbalzato verso di lui, che lo ha raccolto per tentare di sbarazzarsene. Quando lo ha preso in mano è esploso.

Liguria, nove feriti e un incendio a Genova
Nel Genovese sono nove le persone rimaste ferite a causa dei botti. Il più grave è un uomo di Chiavari, che ha riportato pesanti lesioni a una mano. Nel porto del capoluogo ligure si è inoltre sviluppato un vasto incendio che ha interessato delle cataste di "cippato", un materiale legnoso che viene utilizzato per la produzione del pellet. Si ipotizza che il rogo possa essere stato causato da un fuoco d'artificio caduto proprio nel deposito.
Condividi