Torna su
SALUTE

Lavorano nei campi 12 ore al giorno

Agro pontino, braccianti indiani costretti a doparsi

Sikh "schiavi" degli stupefacenti per sopravvivere alle estenuati ore di lavoro nei campi nell'agro pontino, in provincia di Latina. Per resistere al troppo lavoro, al dolore e alla malattia arrivano ad assumere sostanze dopanti e antidolorifiche, "tradendo" anche la loro religione. Il traffico delle sostanze sembrerebbe in mano agli italiani

Braccianti sikh (Ansa)
Trattati come schiavi, costretti a lavorare nei campi sotto il sole per 12 ore al giorno per 4 euro l'ora. Questa è la situazione dei braccianti indiani della comunità sikh dell'agro pontino, che per sopravvivere ai ritmi massacranti  sono costretti a doparsi con sostanze stupefacenti e antidolorifici per reggere il carico di fatica e attutire stanchezza e dolore. La denuncia è contenuta in un dossier dell'associazione “In Migrazione Onlus” che è stata presentata oggi a Latina.
 
Una forma di doping vissuta con vergogna e praticata di nascosto perché contraria alla loro religione e cultura, oltre che severamente contrastata dalla propria comunità, ma per alcuni rappresenta l'unico modo per sopravvivere ai ritmi di lavoro imposti, insostenibili senza quelle sostanze. Giornate che cominciano alle prime ore dell'alba e proseguono fino a sera senza sosta: lavoratori piegati sui campi a raccogliere ortaggi, caricare cassette, lavorare i terreni, senza alcuna precauzione per le sostanze chimiche usate in agricoltura. Un lavoro usurante, anche 7 giorni su 7, sotto il sole cocente come sotto la pioggia.

Traffico di sostanze stupefacenti e dopanti in mano agli italiani
Il rapporto, frutto di interviste rivolte ai braccianti della comunità sikh, la seconda d'Italia per dimensioni e rilievo, ha denunciato che le sostanze dopanti, probabilmente più d'una, sarebbero vendute al dettaglio anche da alcuni indiani, molti dei quali recentemente arrestati in diverse operazioni delle forze dell'ordine. Ma dalle storie che 'In Migrazione' ha raccolto emerge che il 'traffico' è saldamente in mano a italiani. L'assunzione di stupefacenti o dopanti - ha spiegato il dossier - è severamente proibita dalla religione sikh e dunque condannata senza remore. Per questo è molto difficile riuscire a farsi raccontare con chiarezza l'uso e le modalità di approvvigionamento di queste sostanze.

30 mila sikh nella provincia di Latina
La richiesta di forza-lavoro non qualificata e facilmente reperibile da impiegare come braccianti nella coltivazione delle campagne ha incentivato la migrazione e convinto molti sikh a stabilizzarsi nelle provincia di Latina. Secondo le stime della Cgil la comunità arriva a contare ufficialmente circa 12.000 persone, sebbene sia immaginabile un numero complessivo intorno alle 30.000 presenze.

Migliaia di "Nuovi schiavi" nell'area che circonda il parco nazionale del Circeo
Migliaia di 'nuovi schiavi' - ha specificato il dossier - che vivono una condizione inimmaginabile per una società che si definisce civile e un Paese democratico, peraltro in un'area come quella che circonda il Parco Nazionale del Circeo. Un'area dove la presenza delle mafie è radicata anche nel mondo agricolo e imprenditoriale, che vede spesso dominare il lucroso business delle ecomafie, favorito da intimidazioni a istituzioni, imprenditori, forze dell'ordine e a magistrati, si consolida con metodi antichi e violenti la nuova schiavitù. A subirla una comunità che per cultura, religione e indole risulta accogliente, pacifica e dedita al lavoro, che subisce in silenzio lo sfruttamento cui è sottoposta, che auspica l'intervento delle Istituzioni per fermare un sistema che implicitamente, e a volte esplicitamente, impone sostanze dopanti ai suoi nuovi schiavi, con danni alla salute, alla dignità personale, all'identità e integrità dell'intera comunità.
Condividi