MONDO

Lo pubblica oggi il Sunday Times

Brexit, Boris Johnson era contrario: spunta un articolo segreto contro l'uscita dall'Ue

E' stato, nei mesi a ridosso del referendum con il quale la Gran Bretagna ha scelto di uscire dall'Unione, uno dei più accaniti sostenitori della Brexit. Ma oggi spunta un suo articolo, risalente al febbraio scorso e mai pubblicato, in cui l'ex sindaco di Londra e oggi ministro degli Esteri affermava che l'uscita dall'Ue avrebbe potuto provocare nel Paese uno shock economico

Boris Johnson (qui con Gentiloni) è attualmente ministro degli Esteri del governo May
Condividi
Boris Johnson era contrario all'uscita del Regno Unito dall'Unione europea prima di abbracciare la Brexit e diventarne uno dei suoi più decisi sostenitori: è quanto emerge da un suo articolo scritto lo scorso febbraio, ma mai pubblicato, che il Sunday Times 'scopre' nella sua edizione odierna.

Nell'articolo, l'attuale ministro degli Esteri britannico scriveva tra l'altro che la permanenza del Regno Unito nella Ue sarebbe stata una "manna per il mondo e per l'Europa" e metteva in guardia che una Brexit avrebbe potuto provocare nel Paese uno shock economico, avrebbe portato all'indipendenza della Scozia ed avrebbe fatto scattare l'aggressione della Russia.

In passato, ricorda la Bbc, Johnson aveva ammesso di aver scritto l'articolo 'segreto' ma i suoi contenuti erano rimasti sempre top secret. Secondo il Sunday Times, Johnson prima scrisse un articolo a favore della Brexit, poi scrisse l'articolo in questione contro l'uscita del Regno dalla Ue per "chiarire i suoi pensieri" e alla fine scrisse un terzo articolo pro-Brexit che venne pubblicato sul Telegraph.

L'articolo 'segreto' e' stato svelato dal giornalista politico del Sunday Times Tim Shipman nel suo nuovo libro 'All Out War'.

Sturgeon: quello di Johnson è un calcolo politico
"Boris Johnson ha messo il suo calcolo politico prima dell'interesse del Paese". Duro attacco del premier scozzese Nicola Sturgeon contro il ministro degli Esteri britannico. "Non mi sorprende affatto quello che è emerso", ha detto a Sky News Sturgeon, che in questi giorni ha avviato l'iter per un secondo voto popolare sull'indipendenza della Scozia del Regno Unito, per evitare eventuali effetti negativi della Brexit e in primo luogo l'uscita della Gran Bretagna dal mercato unico europeo.

La difesa del ministro
Boris Johnson ha tentato la difesa dopo la pubblicazione. "Stavo solo tentando di immaginare una situazione alternativa" per un esercizio personale, ha spiegato l'ex sindaco di Londra.

"E' perfettamente vero che a febbraio ero ancora incerto come molti in questo Paese e ho scritto un lungo pezzo del tutto a favore di una rottura con Bruxelles", ha detto. "Poi ho pensato che era meglio tentare di delineare una situazione alternativa per un esercizio personale e così ho scritto un articolo semi-parodistico di segno opposto che è  isteriosamente finito sul giornale questa mattina perché penso di averlo mandato ad un amico", ha detto ancora il capo della diplomazia. "Li ho messi uno accanto all'altro ed era più che ovvio per me quale fosse la cosa giusta da fare. Penso che la gente ha preso la decisione giusta", ha detto ancora il ministro alla stampa oggi.
Condividi