Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Brexit-Conte-avremo-un-accordo-per-il-libero-scambio-entro-il-2020-87d38ae1-9ec3-4b05-89a7-4aaefe4a0c6e.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Palazzo Chigi

Brexit, Conte: avremo un accordo per il libero scambio entro il 2020

L'incontro con il premier croato Plenkovic

Condividi
"Siamo confidenti che avremo una Brexit ordinata e che avremo un accordo per il libero scambio entro il termine prefissato di dicembre 2020 con reciproca soddisfazione, sia per il Regno Unito sia per l'Unione europea". Lo afferma il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell'incontro a palazzo Chigi con il premier croato Plenkovic. 

Italia e Croazia vogliono allargare l'Unione Europea a Nord Macedonia e Albania. Ne sono convinti il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il premier croato, Andrej Plenkovic, che si sono incontrati oggi a palazzo Chigi. La Croazia sarà Presidente di turno della Ue nel primo semestre 2020. Conte e Plenkovic lavoreranno per "convincere" i Paesi più riluttanti.

"Un modello europeo che governi in modo strutturale i flussi migratori, che si basi su una gestione europea dei rimpatri", è quello che auspica dice il presidente del Consiglio, nelle dichiarazioni al termine dell'incontro con il primo ministro della Repubblica di Croazia, parlando delle prossime sfide dell'Ue, su cui c'è "convergenti vedute" tra i due Paesi.

Sul Bilancio Ue "non vogliamo un compromesso al ribasso" ma un budget con cui "sostenere l'ambizione politica che stanno esprimendo l'Europa e le sue istituzioni nell'avvio di questa nuova legislatura", ha detto Conte.

Con il primo ministro croato "abbiamo registrato convergenti vedute sulla priorità da realizzare" in Europa, "con politiche che mettano al centro la crescita, l'occupazione, un'economia rispettosa dell'ambiente attenuando l'impatto sociale di una trasformazione industriale che si preannuncia epocale. Un governo europeo che governi in modo strutturale i flussi migratori e che si basi su una gestione europea dei rimpatri", ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

 
Condividi