Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cadice-4-italiani-in-tribunale-dopo-una-rissa.-Grave-un-giovane-spagnolo-f085455e-3ce6-49ea-81df-729b5ca7e99e.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'aggressore sarebbe di Napoli

Cadice, 4 italiani in tribunale dopo la rissa. Resta grave il giovane spagnolo picchiato

E' stato diffuso un video in cui il 30enne del posto viene colpito con un calcio alla testa quando è a terra

Condividi
I quattro italiani arrestati ieri per una violenta rissa a Cadice, nel sud della Spagna, che ha fatto finire in ospedale in gravi condizioni un 30enne del posto, sono stati portati davanti al giudice per la formulazione delle accuse. Lo scrive il Diario de Cadiz secondo cui il principale sospettato, che avrebbe dato un calcio in testa alla vittima, è un 29enne di Napoli.

Restano gravi, anche se stabili, le condizioni del giovane ricoverato.

La rissa - ripresa in un video choc - è avvenuta all'esterno del locale Mommart, a Punta de San Felipe, poco dopo le 6.30 del mattino di sabato. Le immagini mostrano un gruppo di ragazzi, una decina, che si azzuffano all'esterno del locale lungo un molo. Uno di questi, la vittima, viene colpito al volto con un pugno. Quando finisce a terra, un altro ragazzo gli sferra con tutta la forza un calcio al volto, facendogli perdere conoscenza. Vengono quindi chiamati l'ambulanza e la polizia che ha deciso, al momento, il fermo di quattro italiani in attesa che si faccia chiarezza sulle motivazioni. I fermati sono stati tutti portati al commissariato di San Fernando.



Le immagini ricordano la drammatica uccisione di Niccolò Ciatti, avvenuta nell'agosto 2017 sempre in Spagna, durante una rissa. Il giovane di Scandicci morì a 22 anni sotto i calci sferrati da un giovane ceceno fuori dalla discoteca St. Tropé di Lloret de Mar, in Catalogna. 
Condividi