Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Calcio-Inter-Sassuolo-Lukaku-Lautaro-Berardi-0e05bbff-f8c6-4007-9069-4cbb2319f63a.html | rainews/live/ | true
SPORT

Gol e spettacolo a Reggio Emilia

Calcio, pirotecnico 4-3 dell'Inter in casa del Sassuolo

I nerazzurri dominano fino al 4-1 al Mapei Stadium, poi qualche sofferenza di troppo nel finale. Doppiette per Lautaro e Lukaku 

Condividi
Reduce dalla sconfitta in casa con la Juventus prima della sosta, l’Inter si riscatta vincendo a Reggio Emilia sul Sassuolo con un pirotecnico 4-3 (domina fino al 4-1, poi si rilassa un po’ troppo) e resta così ad un punto dalla capolista bianconera.

La gara si sblocca già al 2’: Lautaro batte Consigli con un destro a giro sul secondo palo. La reazione dei neroverdi c’è: Berardi trova il pari già al 16’ con un destro preciso all’angolino (per lui 6° centro in campionato). Ma qui viene fuori la personalità dell’Inter e la concretezza di Lukaku: al 38’ il belga, imbeccato da de Vrij, si libera di Peluso e realizza da centravanti di razza; al 45’ Marlon cintura Lautaro, dal dischetto Lukaku trasforma con freddezza (quota 5 reti in campionato). Curiosità: pochi istanti prima del penalty, un paracadutista è atterrato al centro del campo. L’uomo è stato subito accompagnato fuori dagli addetti alla sicurezza.

Il rigore a fine primo tempo taglia quasi le gambe al Sassuolo. Nella ripresa l’Inter sembra controllare bene la gara , sfiora il tris con Candreva, Lautaro e Biraghi. Il poker arriva ancora dal dischetto (71’): fallo di Muldur su Barella, stavolta realizza Lautaro dagli 11m. Il Sassuolo accorcia le distanze al 74’ con Djuricic, da poco entrato. Il gol rianima gli emiliani: un altro nuovo entrato, Boga, inventa con un’azione personale (81') la rete del 3-4 infuocando il finale, ma l’Inter riesce a portare a casa la vittoria. Prima della partita, osservato un minuto di silenzio per ricordare Giorgio Squinzi, storico patron dei neroverdi, scomparso proprio prima della sosta (Brescia-Sassuolo era stata rinviata).                                           
Condividi