Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Calcio-qualificazioni-Euro-2020-Italia-Grecia-f4b14563-6dc3-4fcc-8556-73fd58ad4d1a.html | rainews/live/ | true
SPORT

Azzurri anche primi nel girone J

Calcio, Euro 2020. L'Italia batte 2-0 la Grecia e si qualifica alla fase finale

L'Italia si qualifica con 3 turni di anticipo agli Europei del prossimo anno. Davanti ai 56mila spettatori dell'Olimpico di Roma gli azzurri ( in maglia verde) staccano il  pass alla fase finale grazie al successo per 2-0 sulla Grecia. Si decide tutto nella ripresa, al 62' Jorginho porta l'Italia in  vantaggio su rigore, al 77' il raddoppio di Bernardeschi.    La squadra di Mancini è a punteggio pieno nel gruppo J con 7 vittorie su altrettante partite giocate con un bilancio di 20 gol fatti e 3  subiti

Condividi
L’Italia batte 2-0 la Grecia e conquista il pass per Euro 2020 con tre turni d’anticipo (prima volta nella storia). Grazie agli altri risultati del girone J gli azzurri sono già aritmeticamente primi. 

Mancini preferisce Barella a Bernardeschi e schiera il nerazzurro a centrocampo con Jorginho e Verratti; al centro dell'attacco Immobile supportato da Chiesa e Insigne. In difesa Spinazzola rileva a sinistra l'infortunato Emerson Palmieri con Bonucci e Acerbi coppia centrale e D'Ambrosio a destra. La Grecia risponde con un 4-3-1-2 e il tecnico  Van't Schip punta sui giovani  rinunciando ai veterani quale il napoletano Manolas. Nel match dell'andata, giocato lo scorso giugno ad Atene, netto 3-0 degli azzurri  grazie alle reti di Barella, Insigne e Bonucci.

Italia in campo con la maglia verde che ha suscitato curiosità e qualche polemica. La prima vera occasione al 12’ è dei greci: Bakasetas appoggia per Koulouris che controlla in area e punta al primo palo, deviazione di Donnarumma, ben posizionato. Gli ospiti prendono coraggio e giocano molto raccolti per impedire le penetrazioni azzurre. Al 29’ Insigne si libera in area e serve Barella che controlla e conclude di destro, deviazione della difesa ellenica in calcio d'angolo. I greci controllano bene e la circolazione di palla degli azzurri si rivela lenta. Al 37’ problema ai flessori per Federico Chiesa costretto a uscire e sostituito da Bernardeschi. Dopo i primi 45 minuti di gioco reti bianche, azzurri che gestiscono il pallone ma non creano pericoli. Di Koulouris l'unica occasione da gol della prima frazione.

Mancini non effettua cambi a inizio ripresa ma l’Italia comincia a premere con più convinzione: al 53’ lancio di Verratti per Insigne che controlla  da posizione defilata cerca la conclusione ma è totalmente fuori bersaglio. Due minuti dopo occasione Italia: cross di D'Ambrosio per Immobile che salta in area e schiaccia verso la porta, deviazione di Paschalakis in corner. E’ ancora la Grecia ad essere concreta e sfiorare il gol: al 60’ Verratti pressato perde un brutto pallone consentendo agli avversari di ripartire in contropiede. Sulla palla tesa che da destra attraversa la porta, Koulouris interviene all'altezza del secondo palo ma la palla finisce sull'esterno della rete.

La partita si sblocca al 63’:  Sul tiro piazzato di Insigne, Bouchalakis si allunga e apre il braccio. Rigore netto trasformato dallo specialista Jorginho e vantaggio azzurro. Al 71’ Insigne da fuori area prova un destro che sibila accanto al palo alla destra del portiere, ma non è una bellissima Italia: al 73’ occasione per la Grecia con Bakasetas che svirgola da buona posizione servito di testa da  Bouchalakis. Al 78’ gran sinistro dalla distanza di Bernardeschi, su cui c'è la deviazione decisiva di Giannoulis, appena entrato, ed è raddoppio Italia. All’85’ Bernardeschi taglia per Insigne che si rende autore di una gran tiro parato però da Paschalakis. Finisce con la gioia di aver conquistato la qualificazione e il primo posto nel girone grazie al pareggio tra Armenia e Liechtenstein.

A caldo il ct Mancini, alla settima vittoria consecutiva, commenta: "Sono stati bravissimi, vorrei ringraziare il pubblico dell'Olimpico, erano tanti stasera. Dedico la vittoria ai piccoli del Bambin Gesù. Nel primo tempo c'era troppa frenesia, abbiamo cominciato a lanciare e non andava bene; meglio nella ripresa, abbiamo cominciato a giocare. Io come Pozzo? Lui ha vinto due Mondiali. Le notti magiche? Speriamo che tornino e che a giugno sia più bello".  
Condividi