Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cannabis-direttiva-Viminale-f93f31c9-4233-474d-bc8e-9671784e9eed.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Il caso

​Cannabis shop, arriva la direttiva del Viminale: più controlli, nessuna chiusura

Infiorescenze illegali. Vigilare su distanza da scuole

Condividi

Vigilare sulla vendita illegale di derivati e infiorescenze della canapa, "impropriamente pubblicizzata come consentita dalla legge n. 242/2016", effettuare uno screening sui territori dei negozi destinati alla vendita di canapa, facendo particolare attenzione a alla "localizzazione degli esercizi, con riferimento alla presenza nelle vicinanze di luoghi sensibili quanto al rischio di consumo delle sostanze, come le scuole, gli ospedali, i centri sportivi, i parchi giochi, e, più in generale, i luoghi affollati e di maggiore aggregazione, soprattutto giovanile". E' quanto recita la nuova direttiva emanata dal ministero dell'Interno, che prevede una stretta nei controlli dei negozi di canapa.

Oltre a prevedere un'intensificazione delle verifiche all'interno di questo tipo di negozi, la direttiva del Viminale dispone anche una "ricognizione" di questi esercizi da valutare attraverso i Comitati provinciali della sicurezza e sottolinea che "tra le finalità della coltivazione della canapa industriale non è compresa la produzione e la vendita al pubblico delle infiorescenze, in quanto potenzialmente destinate al consumo personale, in quantità significative da un punto di vista psicotropo e stupefacente, attraverso il fumo o analoga modalità di assunzione". Inoltre, in merito a "possibili nuove aperture di simili esercizi commerciali", bisognerà tener conto di "una distanza minima di almeno cinquecento metri dai luoghi considerati a maggior rischio. Un provvedimento comunale sul modello di quello che ha già interessato le sale da gioco".

Condividi