Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Caso-Errani-Renzi-contro-i-critici-Finche-non-ce-sentenza-passata-in-giudicato-si-e-innocenti-ff475a82-d985-485c-8a83-a930be6b0ef1.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Un altro tweet sulla lentezza della burocrazia

Caso Errani, il premier Renzi incontra il Governatore dimissionario

Stamattina l'incontro tra il Premier e il goverantore dell'Emilia Romagna che si è dimesso ieri dopo la condanna a un anno in secondo grado. Ieri il premier aveva risposto via Twitter alle contestazioni ricevute per la gestione del caso

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi (Ansa)
Condividi
Roma Si e' svolto stamattina, a quanto si apprende, a Palazzo Chigi, l'incontro tra il premier Matteo Renzi e Vasco Errani. Al centro del colloquio le dimissioni del governatore dell'Emilia Romagna, che restano confermate, e gli scenari futuri. Ieri sera, dopo una telefonata, il premier aveva difeso il governatore dimissionario. “Finché non c'è sentenza passata in giudicato un cittadino è innocente. Si chiama garantismo”. Così in un tweet la risposta alle critiche ricevute sulla gestione del caso Errani.
  
Il governatore dell’Emilia-Romagna si è dimesso ieri dopo essere stato condannato a un anno di carcere per falso ideologico in atto pubblico dalla Corte d’Appello di Bologna per il caso Terremerse. Assolto in primo grado, Vasco Errani ha annunciato il ricorso in Cassazione, ma ha deciso di lasciare il suo incarico alla guida della Regione.
 
La segreteria del Pd lo ha invitato a ripensarci, attirandosi una serie di critiche. Tra queste, anche quelle del giornalista del Foglio Claudio Cerasa, che ha twittato: “Oggi il Pd, con il caso Errani, sta facendo quello che ha sempre contestato al centrodestra: contestare una sentenza della magistratura”. Secca la replica di Matteo Renzi, che sempre via Twitter ha sottolineato l’importanza del garantismo.


 
Pochi minuti dopo ecco un altro tweet del premier, questa volta in risposta a un tweet del blogger Massimo Mantellini che lamentava la lentezza della burocrazia e segnalava code di un’ora per rinnovare la carta d’identità digitale. “O la riforma serve a cambiare questo oppure io ho perso”, ha replicato Renzi.

Condividi