Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Caso-Siri-Conte-tira-dritto-La-Lega-attacca-non-piu-arbitro-e9791b79-3426-4539-a430-0ff3fee8ffe3.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Nuove tensioni nella maggioranza

Caso Siri, Conte tira dritto. La Lega attacca: il premier non è più arbitro

Condividi

Un passo indietro di Armando Siri, una decisione personale per evitare una clamorosa spaccatura del consiglio dei Ministri sul suo nome. E' la novità che potrebbe arrivare prima che, alle 10 di mercoledì, il premier e i suoi ministri si riuniscano a Palazzo Chigi.

Senza un passo indietro, Conte proporrà al CdM decreto di revoca del sottosegretario
Giuseppe Conte, così come il M5S, lo auspica. Matteo Salvini tiene fermo il no alle dimissioni: non cambia idea. Ma il sottosegretario leghista, che a breve sarà ascoltato in procura a Roma e, intanto, si ritrova coinvolto anche in un'inchiesta a Milano sull'acquisto di una casa, potrebbe decidere in extremis. In ogni caso, la strada è tracciata: senza il passo indietro, il presidente del Consiglio proporrà al Cdm il decreto di revoca del sottosegretario. E "non ci sarà una conta" dei ministri, perché il voto non è previsto. "Non succederà nulla di clamoroso" assicura il premier.

La ricaduta sul governo, però, c'è. La Lega ormai lo dichiara apertamente. Nella vicenda Siri, osserva il capogruppo al Senato Massimiliano Romeo, Conte si è "sbilanciato" dalla parte del M5S e dunque non è più "arbitro" tra i due alleati di governo.

Conte tira dritto. E precisa: "Ho accettato di fare il premier, non l'arbitro"
Conte si mostra sereno: sulla vicenda Siri è convinto di aver usato un metro di giudizio limpido e lineare, da "presidente del Consiglio di garanzia, ma non arbitro". Ecco perché se non arriveranno le dimissioni, firmerà il decreto di revoca. Senza scossoni, scommettono dal M5S, nel governo. Anche perché, afferma Luigi Di Maio, Salvini dovrebbe assumersi la responsabilità di far saltare tutto per un sottosegretario.   "Mercoledì vado in Cdm assolutamente tranquillo", afferma Salvini, smentendo defezioni leghiste. Il ministro dell'Interno potrebbe portare sul tavolo del Consiglio il suo secondo decreto su sicurezza e immigrazione, che in ogni caso vorrebbe varare prima delle elezioni. Tornerà in pressing anche per il via libera alle intese sull'Autonomia (ma Conte vedrà il ministro Erika Stefani solo mercoledì sera). E non esclude altre iniziative, sui temi concreti. Per dare la misura di una Lega impegnata sulle cose da fare e "non sulle polemiche".

Per Siri potrebbe aprirsi un altro fronte: l'acquisto di una palazzina a Bresso
Quanto a Siri, sul sottosegretario piomba una nuova tegola: la procura di Milano apre un'inchiesta, al momento senza ipotesi di reato né indagati, sul caso - svelato da Report - dell'acquisto di una palazzina nel milanese attraverso un mutuo di 585 mila euro acceso con una banca di San Marino. Secondo le poche carte depositate alla magistratura e stando a quanto ricostruito da Report, lo scorso 31 gennaio Giulia Siri, figlia ventiquattrenne del senatore leghista, ha acquistato un'intera palazzina residenziale a Bresso: sette appartamenti (di cui 5 affittati), cantine, un laboratorio e un negozio. Il denaro sarebbe stato messo a disposizione dal padre a titolo di liberalità e pertanto non soggetto all'imposta di donazione. Separatamente, però, la ragazza avrebbe sottoscritto una procura irrevocabile al padre a vendere l'immobile a se stesso o a terzi. Tuttavia, per pagare l'immobile, Siri, che ha già patteggiato per bancarotta, ha acceso un mutuo di 600 mila euro presso la banca sammarinese. Somma poi accreditata su un conto aperto presso una filiale della Banca Popolare di Sondrio dal notaio Paolo De Marinis, davanti al quale è avvenuto il rogito. E' stato, poi, lo stesso professionista a segnalare all'ufficio competente di palazzo Koch l'operazione sospetta. "E' stata un'operazione di finanziamento effettuata con un istituto bancario di San Marino che ha erogato regolare finanziamento, peraltro per un importo pari al prezzo dell'acquisto del bene", ha spiegato l'avvocato Fabio Pinelli, difensore di Siri, precisando che per questi fatti il suo assistito non è indagato.

Salvini mantiene la linea garantista
"Se gli contestano di avere un mutuo, è un reato che stanno compiendo alcuni milioni di italiani", ironizza Salvini. Che tiene una ferma linea garantista ("Possono aprire tutte le inchieste che vogliono") e si proclama contro le dimissioni del sottosegretario. Ma Siri potrebbe, ammette Romeo, fare un passo indietro spontaneo, una scelta personale. Soprattutto se prima di mercoledì mattina sarà ascoltato dalla procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta che lo vede indagato per corruzione. Prima di mercoledì "ci saranno novità", dice Giancarlo Giorgetti, nel denunciare un "clima persecutorio".   Se così non sarà, arriverà la revoca in Cdm. Senza un voto, perché il voto formalmente non serve.

Il M5S incalza
Il M5S, intanto, continua a incalzare. Senza farsi frenare dall'invito di Salvini a "tapparsi la bocca". E quando il vicepremier leghista dalla Campania afferma la presenza dello Stato ovunque vi sia "puzza di mafia e camorra", la risposta di fonti pentastellate è durissima: "Basta la puzza, il sospetto. E' proprio ciò che ci ha spinto a chiedere le dimissioni di Siri, coinvolto in una indagine per corruzione dove ci sono link con la mafia".

Condividi