Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cda-Tim-terminata-direzione-Vivendi-utili-in-crescita-af2d008d-2d7a-4eb7-843c-6d91c9cd23bf.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

"Ora la public company"

Cda Tim: terminata attività di direzione di Vivendi, utili in crescita

Condividi
Il Cda di Tim ha ufficializzato la cessazione dell'attività di direzione e coordinamento di Vivendi, dopo la sconfitta dei francesi sul rinnovo del consiglio all'assemblea dello scorso 4 maggio. Il nuovo assetto di goverance, afferma il presidente Fulvio Conti, è "la certificazione del percorso avviato da questo Cda verso la trasformazione di Tim in una public company focalizzata nel conseguire i risultati promessi al mercato". 

Utili in crescita
Tim ha chiuso il primo trimestre del 2018 con un utile in crescita del 25% a 250 milioni di euro, a fronte dei 200 milioni dello stesso periodo del 2017, e ricavi a 4,709 miliardi, in crescita del 2,7% su base organica. In particolare, a spingere il fatturato sono la performance positiva di ricavi da servizi (+3,1% annuo), Italia (+2%) e Brasile (+6,4%). 

Nonostante lo scetticismo della Borsa che ha punito il titolo (-4,09% a 0,773 euro) i risultati sono oltre le attese. Gli analisti si aspettavano ricavi di gruppo in flessione del 2,7% a 4,69 miliardi di euro, con il fatturato domestico in leggera crescita dello 0,4%. "I solidi risultati del primo trimestre 2018 sono trainati dalla performance positiva in Italia e dalla forte crescita del Brasile, a conferma che stiamo già raccogliendo i frutti dell’implementazione della nostra strategia DigiTIM", commenta l’a.d. di Tim, Amos Genish. 

Completata la governance
Il Cda ha inoltre completato l'assetto di governance. Sono stati formati i comitati e ne è stato creato uno specializzato nei rapporti con parti correlate, di cui fanno parte Morselli (presidente), Capaldo, Cappello e Roscini. In quello strategico ci sono Conti, Genish, Gubitosi, De Puyfontaine, Ferrari e Sabelli. Altavilla sarà il presidente del comitato per le nomine e la remunerazione. Il cda ha preso atto, infine, che "risultano venute meno le ragioni per considerare Vivendi soggetto esercente attività di direzione e coordinamento su Tim, dunque ha accertato l’intervenuta cessazione della suddetta attività di direzione e coordinamento, dando esecuzione a tutti gli adempimenti conseguenti".
Condividi