SALUTE

Il Rapporto Curiamo la corruzione 2017

Censis, corruzione e sanità. Coinvolta un'azienda sanitaria su quattro

Secondo il rapporto del Censis, Ispe e Transparency International in Italia una ASL su quattro è vittima di fenomeni di corruzione, un danno dai 6 ai 13 miliardi per il sistema. Scarsi i controlli, la metà delle ASL non ha applicato neppure il Piano Nazionale Anticorruzione di Cantone
 

Condividi
Malgrado la legge, malgrado risorse sempre più scarse, malgrado i controlli: in Italia la corruzione è dura, da aggredire. La metà delle ASL non ha messo in pratica il piano nazionale, in 1 struttura su 4 ci sono fenomeni legati alla corruzione. Che si annida innanzitutto nelle liste d’attesa, poi nelle assunzioni, quindi negli appalti. Ma anche pastette con le pompe funebri private, favoritismi ai pazienti provenienti dalla libera professione, prescrizione di farmaci a seguito di sponsorizzazioni, falsificazione delle condizioni del paziente per aggirare le liste d'attesa....

Maglia nera alla Calabria ed alla Puglia, ma a parte felici eccezioni è tutto il Sud a fare acqua, sul fronte dei controlli anticorruzione: in fumo, cioè nelle tasche di corrotti e corruttori, il 6 per cento dei 113 miliardi del sistema sanitario nazionale, quasi 7 miliardi l'anno che arrivano a 13, se si stimano le inefficienze di sistema che scaturiscono proprio dalla corruzione.
Condividi