Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cernobbio-Padoan-Investimenti-e-Borsa-vanno-bene-non-cambiamo-direzione-2b20cc19-0495-4a77-9632-267b6e864f81.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

"In legge stabilità non solo taglio tassa su casa, ma anche misure su imprese"

Cernobbio, Padoan: "Investimenti e Borsa vanno bene, non cambiamo direzione"

In una intervista a Rainews24 il ministro dell'Economia, di rientro dal G20 di Ankara, parla dell'economia italiana, dei futuri tagli di tasse e assicura: "Arriveranno in un contesto di copertura stabile e duratura nel tempo"

Pier Carlo Padoan
Condividi
Cernobbio (Como) "L'Italia sta cominciando a beneficiare delle riforme strutturali e delle strategie messe in atto dal governo, e i tagli fiscali serviranno per sostenere competitività e occupazione". Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, dal workshop Ambrosetti di Cernobbio in una intervista rilasciata all'inviata di Rainews Ida Baldi. 

"Taglio tasse per sostenere competitività e occupazione"
Il ministro ha ribadito, in linea con le parole pronunciate ieri dal premier Renzi sul taglio delle tasse, che questo "arriverà in un contesto di copertura stabile e duratura nel tempo". Perchè - sottolinea Padoan - il taglio delle tasse è una grande opportunità perchè aiuta la crescita. "Solo così - dice - famiglie e imprese riusciranno ad avere più soldi da poter spendere". Sulle tasse ha poi preannunciato che nella prossima legge di stabilità non sarà aggredita solo quella sulla casa ma il governo sta pensando di estendere "l'abbattimento della tassazione a favore della competitività delle imprese" andando a incidere sulla spending review.

Flessibilità, Padoan: "Con Commissione dialogo aperto, franco e costruttivo"
A proposito dell'utilizzo della clausola di flessibilità nella legge di stabilità, Padoan ha parlato di dialogo aperto, franco e costruttivo con il commissario Moscovici, il vice-presidente Dombrovskis e tutta la Commissione. "E' normale - ha detto - che all'inizio del periodo in cui si definirà la legge di stabilità si abbia un dialogo. Si è parlato anche della clausola di flessibilità, anzi lo stesso Commissario mi ha chiesto in che modo intendiamo utilizzarla. La utilizzeremo al meglio, all'interno dei margini decisi da tutti e con la massima efficienza possibile", ha sottolineato il ministro.

"Con riforme e strategia del governo usciamo dalla recessione a testa alta"
Sull'economia cinese, sui timori di un suo rallentamento, il ministro dell'Economia - di rientro dal G20 di Ankara - afferma che si tratta comunque di un periodo di crescita, sebbene modesta, ma pur sempre di crescita. Parla poi dell'America, che sta crescendo a tasso sostenuto e di Eurolandia. Di un'Europa che cresce ma che potrebbe crescere di più. "E' responsabilità delle autorità europee - osserva - ma anche dei singoli governi. L'Italia - continua - sta facendo la sua parte grazie a riforme strutturali che rendono più facili assunzioni, grazie al sostegno a investimenti di piccole e medie imprese, e ai tagli fiscali per sostenere competittività. Tutto questo - spiega - ci permette di uscire dalla recessione a testa alta".

Il ministro, in una intervista a Bloomberg, ha anche parlato di debito, argomento trattato ieri da Renzi durante il suo intervento. "Il debito - conferma il ministro - comincerà a scendere a partire dall'anno prossimo e sempre nel 2016 il rapporto deficit/Pil rispetterà il fiscal compact. Padoan, durante il suo intervento al workshop ha poi detto che "c'è un quadro esterno favorevole che continuerà e c'è una forte componente interna". E nel momento in cui il sistema del credito taliano si rafforzerà avremo un elemento nuovo che si aggiungerà ad altri elementi positivi.







 
Condividi