Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Chi-e-Antonio-Gozzi-dal-calcio-all-Acciaio-la-connection-di-Mr-Duferco-049e6672-d7e4-46bc-a440-f5f4e6d1986a.html | rainews/live/ | true
ITALIA

La scheda

Chi è Antonio Gozzi: dal calcio all'Acciaio, la connection di Mr Duferco

A capo di Duferco e Feracciai e presidente del club di serie B Entella, Antonio Gozzi è stato arrestato a Bruxelles dalle autorità belghe in una indagine per corruzione. Secondo l'accusa avrebbe corrotto degli ufficiali nella Repubblica democratica del Congo per ottenere appalti

Antonio Gozzi (Ansa)
Condividi
La Duferco è una holding leader nel settore della produzione e del trading dei prodotti e delle materie prime siderurgiche. 

La sede operativa è a San Zeno Naviglio, a 255 km da Chiavari. L'epicentro del mondo di Antonio Gozzi, amministratore delegato della Duferco è qui, tra San Zeno e Chiavari, il posto del cuore dell'imprenditore, la città in cui è nato il 15 aprile 1954. Il posto dove gioca la sua "Virtus Entella", club di serie B di cui è presidente. La sede legale della Duferco, invece, è a Lugano, in Svizzera.  


Gozzi è stato arrestato, insieme al suo collaboratore Massimo Croci, a Bruxelles dalle autorità belghe in una indagine per corruzione. Secondo l'accusa avrebbe corrotto degli ufficiali nella Repubblica democratica del Congo per ottenere appalti. 

Le giornate di Antonio Gozzi prevedevano spesso incontri a Roma, in virtù del suo ruolo di presidente di Federacciai, la federazione delle imprese siderurgiche italiane, aderente a Confindustria. 
Il prof. Antonio Gozzi è titolare inoltre della cattedra di Economia e Gestione delle Imprese di Trasporto ed Economia e Gestione delle Imprese Logistiche presso l’Università di Genova

Le accuse per Gozzi e Croci
I due industriali sono sospettati di aver chiesto all'ex ministro della regione Vallonia Serge Kubla, già arrestato lo scorso 24 febbraio e trattenuto per 48ore, intercessioni per facilitare la diversificazione del gruppo nel settore del gioco d'azzardo in Congo e nella metallurgia per il sito di Maluku. Inoltre, c'è il sospetto di corruzione nei confronti dell'ex primo ministro congolese Adolphe Muzito. Kubla aveva ammesso di aver dato una busta con 20mila euro alla moglie di Muzito, secondo le sue dichiaraioni, in pagamento di una fattura. Gozzi e Croci compariranno davanti al giudice entro venerdì prossimo per la convalida del mandato d'arresto.

La difesa di Gozzi e Croci: "Mai stati in Congo"  

Antonio Gozzi, presidente di Duferco, e il dirigente Massimo Croci dichiarano la loro ''la loro totale estraneità ai fatti'' contestati dai magistrati. ''Non sono mai stati in vita loro in Congo, né hanno mai conosciuto politici o funzionari pubblici congolesi o altre persone di quel Paese capaci di aver peso o influenza nell'emanazione di atti amministrativi''.
Condividi