Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cina-Huawei-trattamento-disumano-per-Meng-violati-diritti-umani-d64d9a22-fb51-408b-ad41-6ccf659003bb.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Crisi diplomatica

Cina, Huawei: trattamento disumano per Meng, violati diritti umani

La donna, direttrice finanziaria di Huawei, Meng Wanzhou, è detenuta in Canada su richiesta degli Stati Uniti

Condividi
La Cina accusa il Canada di aver violato un accordo bilaterale per il mancato avviso tempestivo dell'arresto di Meng Wanzhou, direttore finanziario del colosso Huawei, al centro di un caso che sta facendo salire le tensioni tra i due Paesi. "Secondo il protocollo consolare Cina-Canada, se un cittadino cinese è arrestato dal governo canadese, questi lo deve notificare tempestivamente all'ambasciata cinese", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Lu Kang, secondo cui "il governo canadese non lo ha fatto".

La donna, direttrice finanziaria di Huawei, è detenuta in Canada su richiesta degli Stati Uniti che ne vogliono l'estradizione. Dopo che Meng Wanzhou ha chiesto di essere rilasciata per motivi di salute, il quotidiano statale cinese Global Times, senza citare fonti, ha affermato che "sembra che la struttura detentiva canadese non le stia garantendo le cure necessarie". "Crediamo che questo sia disumano e violi i suoi diritti umani", ha detto un portavoce del ministero degli Esteri cinese, Lu Kang, in conferenza stampa.
Condividi