Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cina-Santa-Sede-firmato-accordo-provvisorio-sulla-nomina-dei-vescovi-cattolici-cinesi-aedeee26-8122-451c-8fed-532021ca857c.html | rainews/live/ | true
MONDO

Cina-Santa Sede, firmato accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi cinesi

"L'obiettivo dell'accordo non è politico ma pastorale, permettendo ai fedeli di avere vescovi che sono in comunione con Roma ma allo stesso tempo riconosciuti dalle autorità cinesi",  sottolinea il direttore della Sala Stampa della Santa Sede Greg Burke

Condividi
La Santa Sede e il governo cinese hanno siglato oggi a pechino un "accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi". Esso, si legge in un comunicato della Santa Sede, "frutto di un graduale e reciproco avvicinamento, viene stipulato dopo un lungo percorso di ponderata trattativa e prevede valutazioni periodiche circa la sua attuazione". "Esso tratta della nomina dei vescovi, questione di grande rilievo per la vita della chiesa, e crea le condizioni per una più ampia collaborazione a livello bilaterale", viene aggiunto. 

"Questa non è la fine di un processo, è l'inizio. Si è trattato di dialogo, ascolto paziente da entrambe le parti anche quando le persone provengono da punti di vista molto diversi". Così il direttore della Sala Stampa della Santa Sede Greg Burke, sull'accordo provvisorio tra il Vaticano e la Repubblica popolare cinese. "L'obiettivo dell'accordo - sottolinea Burke - non è politico ma pastorale, permettendo ai fedeli di avere vescovi che sono in comunione con Roma ma allo stesso tempo riconosciuti dalle autorità cinesi". 

La firma di un Accordo Provvisorio tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese sulla nomina dei vescovi riveste una grande importanza, specialmente per la vita della Chiesa cattolica in Cina e per il dialogo tra la Santa Sede e le Autorità civili di quel Paese, ma anche per il consolidamento di un orizzonte internazionale di pace, in questo momento in cui stiamo sperimentando tante tensioni a livello mondiale. Così il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin sulla storica intesa avvenuta oggi a Pechino.
Condividi