Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cinema-La-favorita-trionfa-agli-Efa-con-otto-premi-82ecc234-e87b-4f77-97a5-e84aaad3eaa0.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Berlino

Cinema, "La favorita" trionfa agli Efa con otto statuette

Miglior attore Banderas, premio per l'attrice a Olivia Colman. A bocca asciutta "Il traditore" di Bellocchio

Il regista greco Yorgos Lanthimos (Ansa)
Condividi
Vola agli European Film Awards "La favorita" del regista greco Yorgos Lanthimos con i suoi intrighi, vendette, colpi bassi e gelosie alla corte della regina Anna d'Inghilterra ai primi del '700 e ottiene ben otto statuette: film, regia, miglior attrice Olivia Colman (già vincitrice della Coppa Volpi a Venezia e dell'Oscar), miglior commedia, a cui si aggiungono ben quattro premi tecnici (fotografia, montaggio, costumi e trucco). E l'Italia, nonostante le quattro candidature per "Il traditore" di Marco Bellocchio (film, regia, sceneggiatura e attore protagonista, Piefrancesco Favino), non porta a casa nulla.

Alla 32a edizione degli Efa bene anche "Dolor y gloria" di Pedro Almodóvar, anche se manca i due premi maggiori: film e regia. Antonio Banderas vince infatti il premio come miglior attore per questo film che è una sorta di Amarcord del regista spagnolo, ma al film va anche il premio tecnico alla scenografia. L'attore spagnolo, assente a Berlino, in diretta Skype commenta il premio dicendosi felice di essere stato "l'alter ego di Almodóvar, una persona che amo e stimo" e dispiaciuto non poter essere presente per impegni a teatro.

Nel corso della serata due standing ovation per l'attrice francese Juliette Binoche, che ha ricevuto il Premio Contributo Europeo al Cinema Mondiale, e per Werner Herzog a cui è andato il premio alla carriera.
Condividi