Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Cinema-Tom-Cruise-spione-mise-sotto-controllo-il-telefono-di-nicole-Kidman-scientology-c6863e44-819b-447d-8f8a-d45900fd1d70.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

Ai tempi delle riprese di Eyes Wide Shut in Inghilterra, fine anni '90

Cinema: Tom Cruise 'spione', mise sotto controllo il telefono di Nicole Kidman

Le rivelazioni nel documentario Going Clear: Scientology & The Prison of Belief di Alex Gibney, premio Oscar per Taxi to the Dark Side, presentato al Sundance Film Festival. Nel 2001 la coppia più bella di Hollywood si separò dopo 10 anni di matrimonio

Nicole Kidman e Tom Cruise, 56mo festival di Venezia, settembre 1999 (Ansa)
Condividi
Era il 2001. La coppia più bella di Hollywood decide di lasciarsi dopo 10 anni di matrimonio. Due strade che si dividono, quelle di Tom Cruise e Nicole Kidman: due strade luminose e, al contempo, piene di sassi, in salita. Ai giornalisti i due dissero che era difficile conciliare carriera e vita di coppia. Ma al Sundance Film festival in Utah, in un documentario di Alex Gibney premio Oscar per Taxi to the Dark Side, spunta una curiosità in più. E cioè che Cruise mise sotto controllo il telefono dell'attrice australiana. Forse per gelosia, mancanza di fiducia, problemi di credo legati a Scientology, la setta di cui il protagonista di Top Gun faceva parte da anni. Nemmeno a farlo apposta il documentario si chiama, infatti, Going Clear: Scientology & The Prison of Belief. Perchè Scientology c'entra. Eccome.

Nella pellicola, la gola profonda Mark Rathbun, ex membro della setta, sostiene che sia Cruise sia il capo della chiesa di Scientology, David Miscavige, gli ordinarono di intercettare le conversazioni telefoniche della Kidman. Era verso la fine degli Anni 90, quando la coppia si trovava in Inghilterra per girare il film di Stanley Kubrick, Eyes Wide Shut. Secondo Rathbun, Cruise era preoccupato per la moglie e per questo chiese di mettere sotto controllo le sue telefonate.

Going Clear: Scientology & The Prison of Belief è basato sull'omonimo libro del 2013 di Lawrence Wright e mette l'attore piuttosto in cattiva luce. Lo si accusa, inotre, di aver approfittato di alcuni operai di Scientology per scopi personali pagandoli 40 centesimi all'ora per decorare le sue case e le sue macchine. Non è un mistero tuttavia che la chiesa fondata da L. Ron Hubbard non abbia mai visto di buon occhio il matrimonio tra i due attori, cosi come è noto che la chiesa fu l'elemento chiave della loro rottura. 
Condividi